×

Costantino (Crif group): "Per uscita crisi cruciale rinnovare patto banche-imprese"

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 10 giu. (Adnkronos/Labitalia) – "L’uscita dalla crisi richiederà un vero e proprio cambio di paradigma". A dirlo Giorgio Costantino, executive director global transformation services Crif group, in occasione della presentazione online dell'Osservatorio del terziario Manageritalia. "Cruciale – avverte – sarà un rinnovato patto tra banche e imprese basato fiducia, condivisione delle informazioni, utilizzo di canali digitali e/o analisi dei processi di business.

La misurazione di intangibles (i.e. livello di innovazione e/o di digitalizzazione) o le interrelazioni tra imprese e settori di attività economica (filiere di impresa), permetteranno di veicolare gli investimenti delle imprese e i relativi finanziamenti delle Banche verso ambiti e attività di prospettiva (a partire dal digitale e dalla sostenibilità-esg capitoli fondamentali del pnrr)".

"Prevediamo – sottolinea – uno scenario in ripresa per le imprese da fine 2021 (fatturato +7,9% su 2020), ma il rilancio più consistente sarà a fine 2022 (+ 3,6% vs.

2019). La redditività tornerà su livelli pre covid per molti settori (alimentari, commercio, consulenza e servizi sociosanitari) non prima del 2022 livelli leggermente inferiori al 2019 (-0,7% su 2019). Alcuni settori particolarmente colpiti (turismo e commercio di autoveicoli) dovranno attendere anche oltre il 2022 per una piena ripresa (sia di fatturato che di redditività)".

"L’Osservatorio Pulse – spiega Costantino – sviluppato da Crif in piena pandemia sarà aggiornato periodicamente per 'misurare il polso' dell’economia sulla base dell’ampio dataset di Crif (Dati creditizi, pagamenti commerciali e analisi forward looking su ratio di Bilancio) e contribuirà all’Osservatorio permanente sul terziario di Manageritalia".

Contents.media
Ultima ora