Cota: la regione non è un gioco di salotto
Cronaca

Cota: la regione non è un gioco di salotto

“La presidenza della regione non e’ un gioco di societa’ che si gioca in salotti e salottini in cui ci vanno sempre le solite 6-7 persone che pensano di poter mettere o per la regione o per il sindaco un’investitura che viene da ambienti radical chic. Se pensate questo non fara’ che aumentare la distanza tra voi e la politica, io la penso diversamente”. Cosi’ il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, a conclusione del dibattito in consiglio regionale sulla questione dei ricorsi presentati contro l’esito del voto regionale dello scorso marzo. “Tutti chiedono che si possa governare e affrontare i problemi della regione, lo chiedono gli industriali, gli artigiani, i cittadini ed io -ha proseguito Cota- mi sarei aspettato da voi un atteggiamento piu’ costruttivo proprio sui problemi reali perche’ credo sia sbagliato far pagare presunte irregolarita’, che, se emergeranno, saranno individuate anche le responsabilita’, a cittadini che si sono espressi con un voto chiaro e distinto”.

Infine, a proposito della fiaccolata promossa ieri sera da Lega e Pdl Cota conclude “la manifestazione non era contro i giudici (giovedi’ il Tar sara’ chiamato a esprimersi sui ricorsi, ndr), ne’ contro la sentenza, anzi noi abbiamo pure solidarieta’ nei loro confronti per la situazione in cui voi li avete messi, ma era una manifestazione fatta per difendere il principio che una volta fatte le elezioni si possa governare”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche