×

Covid, Crisanti: “Grazie alla variante Omicron è possibile l’immunità di gregge”

Secondo Crisanti la diffusione capillare di Omicron, unita al fatto che la maggior parte della popolazione è vaccinata condurrà all'immunità di gregge.

Crisanti Omicron immunità gregge

L’ampia diffusione delle variante Omicron del covid, unita ad un’ampia copertura vaccinale, potrebbero preso condurci alla tanto sperata e ambita immunità di gregge o, per meglio dire, di comunità. Ne è convinto il microbiologo Andrea Crisanti che all’Adnkronos Salute ha spiegato e argomentato il proprio pensiero.

Crisanti su Omicron e l’immunità di gregge

L’unione tra la mutazione altamente contagiosa e vaccini “potrebbe contribuire ad avvicinarci a una situazione di immunità di gregge se protegge anche contro Delta e altre varianti. Al momento questo non è definito con certezza. Abbiamo risultati su poche persone, una decina, coinvolte in uno studio condotto in Sudafrica”, dove il mutante è stato intercettato per la prima volta”.

Per Crisanti con Omicron si raggiunge l’immunità di gregge

“Questo lavoro – ha proseguito Crisanti – indica che chi si ammala di Omicron ha anche un incremento di anticorpi contro Delta, specie se già vaccinato. Se dunque Omicron dovesse avere questa capacità, si potrebbe aspirare a una sorta di immunità di gregge”. Se tali dati, al momento lo ribadiamo ancora in fase di studio, venissero confermati, si potrebbe guardare al prossimo futuro con una maggiore serenità.

Immunità di gregge, per Crisanti è raggiungibile con Omicron

È sempre il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’università di Padova ha ricordato che sequando questa variante si è affacciata sul mondo fosse emerso che nelle persone che hanno un ciclo vaccinale all’attivo è effettivamente meno dannosa la sua avanzata si sarebbe dovuta considerare una buona notizia“.

Un’ampia diffusione, ma con minori effetti sui vaccinati nel frattempo aumentati consistentemente in numero, così per Crisanti l’immunità di gregge non sarebbe più un’utopia.

Contents.media
Ultima ora