×

Covid, da febbraio 99 morti su 100 in Italia non avevano completato il ciclo vaccinale: il report Iss

Un report dell'Iss analizza le morti per Covid da quando è stata avviata la campagna vaccinale in Italia. Il 99% dei deceduti non era immunizzato.

Morti Covid Italia

Quasi il 99% delle persone morte per Covid-19 in Italia dall’inizio di febbraio non avevano completato il ciclo vaccinale. Questo è quanto emerso da un approfondimento contenuto nel report periodico redatto dall’Istituto superiore di sanità (Iss). 

Covid, 99 morti su 100 in Italia non avevano completato il ciclo vaccinale: l’età media dei decessi totali è di 80 anni

Nel documento vengono descritte le caratteristiche di 127.044 pazienti positivi al Coronavirus e deceduti in Italia dall’inizio della pandemia. La loro età media è di 80 anni. Le donne rappresentano il 43,5%.

L’età media dei decessi settimanali è aumentata fino agli 85 anni di luglio 2020, per poi scendere nuovamente, raggiungendo i 72 anni nella seconda settimana di luglio 2021. “Questa riduzione nell’età media dei decessi è verosimilmente conseguenza dell’effetto protettivo delle vaccinazioni nella popolazione più anziana cui è stata data priorità”, sottolinea l’Iss.

Covid, 99 morti su 100 in Italia non avevano completato il ciclo vaccinale: l’età media è più alta, così come il numero di malattie pregresse

Dal 1° febbraio al 21 luglio 2021, 423 persone che avevano completato il ciclo vaccinale hanno perso la vita a causa del Covid-19: l’1,2% del totale delle vittime da Coronavirus nei mesi considerati, che sono state 35.776.

Gli individui vaccinati e deceduti a causa del virus avevano “un’età media più alta e un numero medio di patologie pregresse maggiori rispetto alla media“.

Il 1° febbraio è stato scelto come data di partenza dello studio in quanto corrisponde alle cinque settimane necessarie per completare il ciclo vaccinale a partire dall’avvio della campagna.

Sono state analizzate 70 cartelle cliniche a campione tra quelle dei 423 deceduti. Rispetto alla totalità dei decessi, tra gli individui che hanno perso la vita nonostante fossero completamente immunizzate l’età media risulta più elevata: 88,6 contro 80 anni.

Queste persone avevano, inoltre, 5 patologie pregresse in media, contro le 3,7 della popolazione generale. “Dopo l’insufficienza respiratoria acuta, le sovrainfezioni sono le complicanze maggiormente diffuse nelle persone decedute con ciclo vaccinale completo. Terapia antibiotica e steroidea sono le terapie più utilizzate su questi pazienti”, spiega l’Iss.

Covid, 99 morti su 100 in Italia non avevano completato il ciclo vaccinale: le possibili spiegazioni sulle morti dei vaccinati

Il report dell’Iss si conclude con due possibili spiegazioni per le persone decedute nonostante il vaccino e le variazioni sull’età media dei decessi: “In primis, i pazienti molto anziani e con numerose patologie possono avere una ridotta risposta immunitaria e pertanto essere suscettibili all’infezione da Sars-CoV-2 e alle sue complicanze pur essendo stati vaccinati. In secundis, questo risultato può essere spiegato dal fatto che è stata data priorità per la vaccinazione alle persone più anziane e vulnerabili e che quindi questa rappresenta la popolazione con maggiore prevalenza di vaccinazione a ciclo completo alla data in cui è stata eseguita questa valutazione”.

Leggi anche: Coronavirus, bilancio del 27 luglio 2021: 4.522 nuovi casi e 24 morti in più

Leggi anche: Vaccini a scuola, si va verso l’obbligo per docenti e personale: oggi l’incontro coi sindacati

Contents.media
Ultima ora