×

Covid: Feltrin, 'legno-arredo punta a fatturato vicino a 2019, in autunno lanciamo manifesto green'

default featured image 3 1200x900 768x576

Milano 22 lug. (Adnkronos) – La filiera italiana del legno e dell'arredo sta uscendo dalla crisi scatenata dal Covid e, trainata dal settore casa, punta a chiudere il 2021 con un fatturato vicino a quello del 2019. Più a lungo termine, per il 2025, l'obiettivo – fissato in un manifesto green che sarà presentato in autunno – è diventare un punto di riferimento mondiale per la sostenibilità.

A tracciare all'Adnkronos il quadro dell’ultimo anno e mezzo e delle prospettive dei prossimi sei mesi è il presidente di FederlegnoArredo, Claudio Feltrin. “La filiera tutto sommato si sta riprendendo bene. Ha chiuso un 2020 con un -9,1%, mentre dalle previsioni della tarda primavera post-lockdown ci si aspettava delle doppie cifre in negativo”, dice Feltrin, sottolineando tuttavia che “la filiera è lunga – dall’albero al prodotto finito – e al suo interno ha luci e ombre.

La categoria che soffre di più in assoluto sono gli allestitori fieristici, che nel 2020 hanno perso il 90% e nei primi sei mesi 2021, con il divieto fino a giugno di fare manifestazioni fieristiche, hanno avuto addirittura il 100% di azzeramento del fatturato”.

Diviso a metà, invece, l’arredamento, con la casa che – complici lo smart working e le spese ferme per viaggi e ristoranti – “ha fatto un recupero sorprendente nel 2020, con alcune aziende che hanno avuto entrate addirittura superiori al 2019 e un fatturato mediamente pari a quello del 2019” e il settore contract, che “invece ha sofferto in maniera molto forte il lockdown".

Nel primo semestre 2021 "la casa ha continuato sul trend positivo; mentre il contract ha cominciato a rialzare la testa negli ultimi due mesi”, riferisce Feltrin, spiegando che "la lettura dei dati può permetterci un ottimismo moderato: nel secondo semestre dell’anno – variante Delta permettendo – ci potrebbe essere un rallentamento della casa e un rafforzamento dell’area dell’arredo dedicata al contract. Questo potrebbe portare a fine anno a una ripresa del fatturato per la filiera vicino al 2019, senza avere più un segno meno”.

(segue)

Contents.media
Ultima ora