> > Covid, Filippo Anelli chiede nuove restrizioni per raffreddare la curva

Covid, Filippo Anelli chiede nuove restrizioni per raffreddare la curva

anelli

Filippo Anelli, il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, non ha dubbi: "Si pensi alle restrizioni"

Filippo Anelli, il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, non ha dubbi: Si pensi a nuove restrizioni.

Filippo Anelli chiede nuove restrizioni: l’intervista

Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, è stato intervistato da ‘Tgcom.24’: “Non abbiamo bisogno di sconti sui numeri, ma di interventi per ridurre la pressione sugli ospedali. Servono interventi di carattere restrittivo per raffreddare la curva e allentare la pressione sugli ospedali. Pensiamo a chiusure selettive.”

Filippo Anelli chiede nuove restrizioni: le pressione sugli ospedali

Per Anelli siamo ancora lontani dalla fine della pandemia e serve un nuovo sforzo collettivo per allentare le pressione sugli ospedali: Bisogna ragionare non sui numeri ma sull’andamento della pandemia. Sta aumentando la pressione sugli ospedali: qualsiasi persona ricoverata, sia perché affetta da Covid, sia per altri motivi ma positiva richiede assistenza adeguata. Tutto questo non ha bisogno di sconti, di espedienti per ridurre i numeri sulla carta ma di interventi.

I reparti sono riconvertiti in reparti Covid, gli anestesisti vengono spostati nelle terapie intensive: ciò si ripercuote su chi doveva fare un intervento, o curare uno scompenso cardiaco. In questo modo  viene compromessa l’assistenza a tutti gli italiani.”

Filippo Anelli chiede nuove restrizioni: la carenza dell’antibiotico azitromicina

In merito alla questione della mancanza dell’antibiotico azitromicina in Italia Anelli afferma: Spero innanzitutto che sia dispensata sempre dietro ricetta medica.

La storia nasce nel marzo 2020, quando non sapevamo quasi nulla del Covid, ci trovavamo di fronte a polmoniti sconosciute e si associava alle cure anche l’azitromicina. Poi sappiamo tutti che gli antibiotici non funzionano sui virus, sono prescritti per gestire le complicanze di natura batterica. Bene fa l’Aifa a ribadirne l’inutilità e la necessità di usarli solo in casi particolari e solo dietro prescrizione medica.”