×

Covid, Galli: “La variante Xe potrebbe sostituire Omicron 2”

Galli dice la sua sulla variante Xe del covid e ammette che potrebbe presto sostituire la Omicron 2.

Covid Galli variante Xe

L’ex direttore del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, il professor Massimo Galli, è tornato a parlare di covid soffermandosi in particolar modo sulla nuova variante conosciuta come Xe. Per il medico questa mutazione potrebbe arrivare addirittura a sostisture la Omicron, che in questi ultimi mesi è diventata predominante grazie alla sua grande capacità di diffondersi. 

Covid, Galli sulla variante Xe 

“La variante Xe – ha detto Massimo Galli all’Adnkronos Salute – ricombinante tra Omicron 1 e Omicron 2, anche se i casi segnalati sono ancora pochi, non sembra essere più patogena e sembrerebbe essere, a quanto sappiamo, più diffusiva. Se davvero è così potrebbe candidarsi a sostituire Omicron 2. Con quali risultati difficile dirlo”.

Galli e la variante Xe del covid

“Il virus – ha aggiunto l’ex direttore di Malattie infettive del Sacco di Milano – rivela ancora una volta la capacità di ricombinarsi, tra varianti diverse, quando c’è co-circolazione.

Cosa questo possa implicare in termini di impatto clinico ed epidemiologico non lo sappiamo”. 

Galli parla della variante Xe del covid

Molti dunque i dubbi palesati da Massimo Galli sugli sviluppi della pandemia e delle mutazione del virus, così come su quale potrebbe essere il loro impatto sulla popolazione. La speranza, manifestata dal medico, è che “il coronavirus abbia preso una linea evolutiva che la porti ad essere meno patogeno e che possa essere derubricato a un virus non più pandemico”.

“I tempi e i modi di tutto questo, però – ha concluso – non li conosciamo”.

Contents.media
Ultima ora