×

Covid, il report Iss: l’82% dei tamponi positivi appartiene alla variante Delta

Il bollettino dell'Iss spiega come la variante Delta del Covid sia ancora prevalente in Italia. Diminuiscono invece Gamma e Alfa

Covid variante delta

Il nuovo rapporto dell’Istituto superiore di Sanità conferma come la variante Delta rimanga prevalente nel nostro Paese, mente l’Alfa e Gamma continuano a diminuire. Aumenta anche la capacità di sequenziamento in Italia.

Covid, il report Iss sulla variante Delta

Il settimo bollettino dell’Iss “Prevalenza e distribuzione delle varianti di interesse per la sanità pubblica” parla chiaro: la variante Delta continua a essere prevalente in Italia, ed è l’unica a far preoccupare gli esperti. I dati lo confermano: negli ultimi 45 giorni in Italia, e più precisamente nel periodo 3 luglio-16 agosto, l’82,4% dei tamponi sequenziati è risultato positivo alla variante Delta. In forte calo, invece, la variante Alfa, presente appena nell’8% dei tamponi sequenziati.

Nel periodo esaminato, sono aumentati i casi di infezione da Covid-19 con genotipizzazione/sequenziamento segnalati al Sistema di Sorveglianza Integrata. Il totale sale a 9.842 in confronto ai 7.739 riportati nel periodo 19 giugno – 2 agosto. Sempre secondo il bollettino, continua ad aumentare la capacità del nostro Paese di genotipizzare o sequenziare campioni clinici positivi per il coronavirus. Nel mese di luglio è stato sequenziato il 10% dei casi.

Covid, l’Iss: “Variante Delta rimane prevalente”

La variante Delta rimane ancora prevalente in Italia. Nei 45 giorni presi in esame, il numero di segnalazioni di casi riconducibili alla variante Delta in Italia è ancora superiore al numero di segnalazioni per tutte le altre mutazioni del virus monitorate. Guardando alla territorialità, nuovi casi di variante Delta sono stati registrati in quasi tutte le province italiane. Le altre varianti, invece, non destano preoccupazione: la frequenza dei positivi causati dalla variante Alfa è in decisa diminuzione, così come la loro diffusione territoriale.

Anche la variante Gamma è in forte calo in Italia, con una diffusione limitata solo ad alcune Regioni.

Covid, Iss: il 93% dei casi di variante Delta è autoctono

Il bollettino dell’Iss chiarisce come la maggior parte dei casi d’infezione “è stata contratta sul territorio italiano”. Per gi esperti: “Il 6,6% delle infezioni associate alla variante Delta e il 4% associate alla variante Alfa sono state contratte all’estero“. Negli ultimi 45 giorni 7.576 casi di variante Delta (pari al 93,4%) sono risultati autoctoni contro i 535 importati dall’estero. La variante Alfa conta 748 casi autoctoni (il 96% del totale) e solo 31 casi importati (il 4%), mentre i 144 casi di Covid riconducibili alla variante Kappa sono nati tutti sul territorio nazionale.

Contents.media
Ultima ora