×

Covid, Italia: “Una persona su cinque contagiata dal Covid in due anni di pandemia”

In relazione a un nuovo report diffuso dall’Altems, risulta che circa una persona su cinque sia stata infettata dal coronavirus in Italia.

covid italia
A member of medical staff wearing a personal protective equipment (PPE) walks in the Intensive Care Unit (ICU) for the novel coronavirus, COVID-19 cases, in the San Filippo Neri hospital in Rome, on October 29, 2020. - Italy's Prime Minister Giuseppe Conte tightened nationwide coronavirus restrictions after the country registered a record number of new cases, despite opposition from regional heads and street protests over curfews. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

In relazione a un nuovo report diffuso dall’Altems, risulta che circa una persona su cinque sia stata infettata dal coronavirus in Italia.

Covid, Italia: “Una persona su cinque contagiata dal Covid in due anni di pandemia”

In seguito alla pubblicazione di un numero speciale del report settimanale dell’Altems, l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica, Facoltà di Economia, campus di Roma, è emerso un dato interessante relativo agli ultimi due anni vissuti all’insegna della pandemia Covid in Italia.

Facendo partire lo studio dal primo caso di contagio individuato nel Paese e scartando i casi di reinfezione, è emerso che in Italia “indicativamente una persona su cinque (20%) è stata contagiata dal Covid con un valore massimo registrato dalla PA di Bolzano (33,9%), una persona su tre, e un valore minimo registrato in Sardegna (9,7%), una persona su dieci”.

Mortalità in calo, il report dell’Altems

Il report dell’Altems, inoltre, ha evidenziato come “si sia passati da una letalità (percentuale di vittime sul totale dei casi) del 15% (circa 1 paziente Covid-19 su 7) nella prima ondata pandemica; a una, riscontrata tra ottobre e novembre 2020, più bassa che si assestava intorno al 3%”.

Lo studio, poi, ha anche sottolineato quanto segue: “Dall’inizio di gennaio 2022 si assiste ad un’ulteriore diminuzione nei valori di letalità grezza apparente, che la porta poco sopra l’1%. Quanto alla mortalità (percentuale di deceduti sul totale della popolazione), era di 4,83 per 100 mila abitanti nella prima ondata, contro una mortalità di 1,29 per 100.000 nell’ultima”.

Contents.media
Ultima ora