×

Covid, l’allarme lanciato dai medici del Meyer: “Attenzione alla trombosi”

La trombosi causata dall'infezione da Covid-19 si può sviluppare anche nei più piccoli. Il vaccino resta l'unica via d'uscita.

Vaccino

L’ospedale pediatrico ospedale pediatrico Meyer di Firenze continua a incentivare il vaccino per i più piccoli. Gli ingressi per Covid-19 in ospedale sono ancora mediamente elevati e molti pazienti in età pediatrica non vaccinati hanno sviluppato una trombosi.

I medici del Meyer mettono in guardia i più piccoli sulla possibilità di sviluppare una trombosi a causa del Covid-19

Per un periodo si tendeva ad associare la trombosi al vaccino e molte persone, infatti, erano fortemente scettiche. Ma il rischio di sviluppare una trombosi è molto più alto se si contrae il Covid-19, soprattutto nei più piccoli. Questa volta a parlare sono i medici del Meyer di Firenze, che ai microfoni del quotidiano La Repubblica Firenze, hanno raccontato la loro attività quotidiana nella lotta contro il Covid-19.

Le vaccinazioni in età pediatrica devono aumentare

In data odierna, 23 febbraio 2022, “abbiamo avuto quattro ragazzi con trombosi dovuta al Covid: si tratta di un evento grave“. Questo quanto dichiarato da Chiara Azzari, responsabile di Immunologia pediatrica del Meyer. Molti stanno sottovalutando la variante Omicron, ma sebbene meno letale può causare infezioni gravi soprattutto tra i non vaccinati. I medici del Meyer spiegano che in Toscana, rispetto ad altre regioni della nostra Nazione, sono messi meglio per quanto riguarda le vaccinazioni nella fascia d’età pediatrica.

Purtroppo però il numero di vaccinati deve necessariamente aumentare. La professoressa Azzari ricorda che oltre alla possibilità di sviluppare la trombosi, che spesso può essere letale, non si deve escludere il decesso anche in età pediatrica. Da gennaio 2022, sono infatti già morti 10 bambini a causa del Covid-19.

Il 27 febbario 2022 ci sarà un Open day al Meyer di Firenze

L’ospedale pediatrico Meyer sta facendo di tutto per incrementare le vaccinazioni e, data la tenera età di molti pazienti, invogliare i genitori a tutelare la salute dei loro figli.

Il 27 febbraio 2022, è stato organizzato dalle 13:00 alle 18:00, un Open day per la fascia d’età 5-11 anni. Si effettueranno sia prime che seconde dosi. Nella sua intervista al quotidiano La Repubblica Firenze, Alberto Zanobi, direttore generale del Meyer e presidente dell’Associazione ospedali pediatrici italiani, ha affermato che “la vaccinazione proteggere i piccoli dalla forma grave della malattia, che seppur molto rara è purtroppo possibile, e gli consente di tornare alla socialità“.

Contents.media
Ultima ora