×

Covid, la Gallavotti traccia l’identikit di chi potrebbe ammalarsi più seriamente

Per la Gallavotti chi rischia di ammalarsi seriamente di covid ha tre caratteristiche: non è vaccinato, ha problemi pregressi ed è avanti con l'età.

Covid Gallavotti ammalarsi seriamente

Nel suo consueto intervento a DiMartedì su La7, la biologo Barbara Gallavotti ha commentato lo stato della pandemia in Italia, sottolineando come lo scenario sia profondamente cambiato rispetto ad un anno fa grazie al vaccino. La dottoressa ha poi stilato l’identikit di chi potrebbe ammalarsi più seriamente in questa fase della pandemia. 

Covid, Gallavotti spiega chi potrebbe ammalarsi seriamente

Per la Gallavotti i fattori di rischio devono essere valutati tenendo conto di tre principali fattori quali il nostro stato di vaccinazione, la nostra età e le nostre condizioni di salute“. “Se per le ultime due non possiamo farci nulla – ha aggiunto – per quanto riguarda il vaccino invece la decisione spetta a noi”. 

Gallavotti, chi potrebbe ammalarsi seriamente di covid

A sostegno delle sue dichiarazioni, la biologa porta uno studio pubblicato sul New York Times che analizza i ricoverati in Inghilterra tra il 6 settembre e il 3 ottobre. “Da questo studio – ha detto la Gallavotti – emerge che per chi ha un’età superiore a 80 anni il rischio di essere ricoverato in ospedale per Covid è dimezzato se ci si vaccina.

Nella fascia di età prima, 70-79, il rischio si riduce a un terzo. Nelle fasce d’età ancora precedenti ancora di più”.

LEGGI ANCHE: Gallavotti parla del Covid fra i vaccinati: “È una malattia diversa”

Ammalarsi seriamente di covid, l’identikit tracciato dalla Gallavotti

Dalla stesso studio la Gallavotti riferisce poi di un altro dato che mostra come “un minorenne non vaccinato” abbia un rischio di essere ricoverato per covid “addirittura un po’ meno di un 40enne vaccinato”.

L’esempio viene riportato dalla biologa proprio per sottolineare l’importanza e della vaccinazione e dell’età. “La diminuzione del rischio – ha aggiunto – non è mai così grande da mettere chi è fragile nelle stesse condizioni di chi è giovane e sano”. 

Contents.media
Ultima ora