×

Covid Lombardia, Fontana: possibile zona arancione dalla prossima settimana

Il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, in una sua intervista ha dichiarato che la Lombardia potrebbe diventare arancione

https://www.facebook.com/fontanaufficiale/photos/1506917586315779
Attilio Fontana ha il grosso problema delle inefficienze di Aria nella gestione delle prenotazioni sui vaccini

Sono segnali incoraggianti quelli lanciati dal presidente della regione Lombardia Attilio Fontana ai suoi cittadini: partecipando al webinar di Aime Varese ‘7 incontri per 7 domande in 70 minuti’ il governatore ha dichiarato che c’è un’imminente possibilità di ottenere un cambio di colore per la regione.

Fontana: possibile passaggio a zona arancione

Il presidente ha lanciato messaggi di speranza, ha preannunciato una fase di miglioramento che potrebbe aprirsi con un passaggio fondamentale dalla zona rossa alla zona arancione, già a partire dal 12 aprile. Se le condizioni lo permetteranno e i contagi si stabilizzeranno, infatti, si potrà cominciare a pensare ad un alleggerimento delle misure restrittive, che consentirebbe di permettere la riapertura e dunque la ripresa di numerosi settori d’attività duramente colpiti dal lockdown.

Bisognerà attendere venerdì 9 aprile per capire se questo passaggio verrà effettivamente attuato, giornata nella quale si analizzeranno i dati epidemiologici, fondamentali per tener conto dell’andamento della curva dei contagi.

Fontana: normalità a giugno

Il presidente Fontana auspica un certo ritorno alla normalità previsto per giugno, mese che si andrebbe a configurare come il completamento di un percorso di ripresa che dovrebbe iniziare proprio a partire da aprile, se le misure attualmente in vigore verranno alleggerite.

La regione Lombardia, spera dunque di ottenere un Rt (indice di contagio) inferiore a 1, dato che gli consentirebbe di avviare un processo di graduale ritorno alla normalità e una ripresa dell’economia, fortemente provata a causa della zona rossa.

Leggi anche:

Contents.media
Ultima ora