×

Covid, morto l’ex agente della Polfer Mario Orrico: aveva 65 anni

L'ex agente della Polizia ferroviaria Mario Orrico è morto per complicanze dovute al Covid presso l'ospedale di Verduno, in provincia di Cuneo.

mario orrico

Non ce l’ha fatta il 65enne Mario Orrico ex agente della Polizia ferroviaria di Bra deceduto per complicanze dovute al Covid presso l’ospedale Ferrero di Verduno, in provincia di Cuneo. L’uomo, che si trovava in pensione da un paio d’anni dopo aver svolto le mansioni di sovrintendente capo, aveva contratto il virus come il resto della sua famiglia, ma nel suo caso le condizioni si erano aggravate a tal punto da rendere necessario il ricovero in ospedale, dove è purtroppo deceduto nelle scorse ore.

Covid, morto l’ex agente della Polfer Mario Orrico

Ormai nonno a tempo pieno e arbitro di calcio nel tempo libero, con la sua morte Orrico lascia le tre figlie Erika, Giada e Serena, nonché gli adorati nipoti Edoardo, Vincenzo, Lorenzo, Gnevra, Filippo, Sole e Diletta. I funerali dell’uomo si svolgeranno nella giornata di martedì 25 maggio alle ore 16, nella parrocchia di Sant’Andrea a Bra.

I famigliari di Orrico hanno espresso il desiderio che eventuali offerte raccolte in sua memoria siano devolute alla raccolta di fondi che è stata avviata in ricordo del piccolo Mattia Sartori, morto lo scorso 9 maggio, al fine di acquistare un ecografo pediatrico da donare all’ospedale Regina Margherita di Torino.

Mario Orrico, il ricordo dell’Uisp di Bra-Cuneo

Molto attivo nel mondo dello sport, Orrico era membro del consiglio direttivo della Uisp Comitato Territoriale di Bra-Cuneo, che sulla propria pagina Faceboook ha pubblicato un messaggio di cordoglio in cui si legge: “Ci ha lasciato una bella persona, di quelle che quando ci pensi è sempre è un bel pensiero, che quando lo ritrovi ti vien voglia di abbracciarlo, di quelle che comunque ci si capisce anche senza parola, perchè di parole proprio poche! Ma a cosa servono se gli occhi non hanno veli, se l’anima, in maniera discreta e garbata, è lì ad ascoltarti, ad accoglierti, a farti sentire comunque bene.

Ci mancherai in ogni cosa, ci mancherai anche se la tua presenza è stata sempre così leggera e impercettibile, ma così imponente. Ti abbiamo conosciuto e di questo ci sentiremo per sempre fortunati. Grazie per averci dato la possibilità di far parte del tuo cammino: hai impreziosito le nostre vite e le nostre anime. Adesso porta la tua semplicità in altri luoghi. E fischia, ma solo se c’è il caso altrimenti lascia giocare. Noi non ti scorderemo. I tuoi amici Uisp”.

Mario Orrico, la donazione in ricordo di Mattia Sartori

Il piccolo Mattia Sartori era deceduto all’inzio del mese di maggio a soli quattro anni di età, per una complicanza post operatoria. Mattia era affetto da una malformazione congenita a livello cardiaco che lo ha costretto a subire 3 interventi chirurgici, l’ultimo all’ospedale Regina Margherita di Torino, a seguito del quale non ce l’ha fatta.

Contents.media
Ultima ora