×

Covid, parla l’infermiera del vaccino all’uomo con la protesi nell’hub di Biella

L'infermiera che doveva effettuare il vaccino anti-Covid: "mi ha chiesto di essere vaccinato lo stesso, per finta, perché lui aveva bisogno del Green Pass"

Vaccino covid

Ha recentemente fatto scalpore la vicenda del medico odontoiatra e il suo escamotage per evitare il vaccino anti-Covid. Guido Russo, questo è il suo nome, si è presentato all’hub vaccinale con un braccio finto.

Ovviamente, è stato scoperto dalla infermiera che si stava apprestando a fargli l’iniezione.

Ora, quest’ultima ha rilasciato le sue prime dichiarazioni in merito all’accaduto.

Leggi anche: Biella, 50enne va all’hub vaccinale con un braccio in silicone per avere il Green Pass: denunciato

Vaccino Covid, la vicenda di Biella

Il fatto è avvenuto a Biella, in Piemonte. Russo, 50 anni, voleva ottenere il Green Pass senza dover effettuare la vaccinazione. Ha, quindi, deciso di procurarsi un busto scenico in silicone. 

Una volta scoperto, il sanitario è stato denunciato.

Infatti, dovrà difendersi in un’indagine per truffa. Inoltre, è stata confermata la sua sospensione dal servizio, dato che è sprovvisto di una copertura vaccinale. 

L’infermiera coinvolta nei fatti è Filippa Bua, 60 anni. Bua ha discusso dell’accaduto con il quotidiano Repubblica.

Parla Filippa Bua, l’infermiera che doveva fare il vaccino Covid a Russo

Mi sono sentita offesa come professionista“, sono queste le parole amare con cui ha esordito Bua. 

Ha inoltre aggiunto: “Sono giorni difficili questi.

La gente è arrabbiata, ci capita spesso di discutere. Episodi come questi ci fanno perdere tempo“.

L’infermiera ha anche raccontato l’incredibile reazione che ha avuto l’uomo dopo che il personale dell’hub vaccinale ha compreso il suo escamotage.

Quando ha capito di essere stato scoperto mi ha chiesto di essere vaccinato lo stesso, per finta, perché lui aveva bisogno del Green Pass per lavorare ma non voleva farlo il vaccino“.

Ovviamente, lei si è rifiutata. “Gli ho chiesto se pensava che fossi lì a pettinare le bambole. Questo mi ha amareggiato. Gli ho chiesto come potesse pensare una cosa del genere“.

Le parole dell’infermiera non hanno scalfito per nulla Russo. Secondo il racconto della donna, infatti, l’uomo ha sorriso e le ha risposto: “Pensa che io possa avere un fisico così?”. Ha fatto ciò scoprendo la protesi.

Vaccino Covid, com’è stato scoperto il sanitario?

Bua ha, inoltre, spiegato come ha capito che c’era qualcosa che non andava. Ha raccontato: “Il colore del braccio mi ha insospettito e ho chiesto a quell’uomo di scoprire il resto del braccio sinistro. (La protesi) era fatta bene ma non aveva lo stesso colore“.

Contents.media
Ultima ora