×

Covid, parla Massimo Galli: “Il Green pass in Italia ha funzionato”

Il Green pass non dovrà essere utilizzato per sempre, ma adesso è ancora fondamentale per arginare il Covid. Massimo Galli dice la sua sull'argomento.

Massimo Galli

I casi di Covid-19 in Italia continuano a diminuire e la curva sembra decrescere. Molti si chiedono quanto ancora dovrà durare il Green pass e la maggior parte degli esperti risponde che questo è ancora molto importante. Tra coloro che difendono il certificato verde vi è anche Massimo Galli, ex infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano.

Massimo Galli sostiene che ad arginare il Covid sia stato fondamentale anche l’utilizzo del Green pass

Massimo Galli ha scritto in un post su Facebook che tra le misure restrittive, oltre al vaccino, che hanno contribuito a far diminuire la diffusione del Covid vi è anche il Green pass. Il dottore non parla per assurdo, ma con dati alla mano. Stando a quanto riportato da Galli, l’Italia è “al secondo posto in Europa fra nazioni con il minor numero dei casi rispetto alla popolazione totale“.

Dunque, nella continua lotta tra chi vuole rimuovere il certificato verde e chi invece vuole continuare a farlo utilizzare (ovviamente non a tempo indeterminato), Galli si schiera con la seconda fazione. Il Green pass è stato abolito già in altri Stati europei, consentendo quasi un totale ritorno alla normalità. Mossa azzardata secondo il dottore, in quanto tali Stati non sono per niente messi meglio dell’Italia.

Il confronto con le altre Nazioni europee

Massimo Galli sembra non tollerare gli elogi che si fanno alle altre Nazioni, cercando di relegare l’Italia sempre all’ultimo posto o dandole l’etichetta di Stato sempre più in ritardo rispetto ad altri. Proprio per questo, l’ex infettivologo, riporta alcuni dati che confrontano la nostra Nazione ad alcuni Paesi europei. Il Regno Unito e la Svezia, che da sempre hanno adottano politiche più permissive durante la pandemia, sono stati tra i primi Stati ad eliminare le restrizioni, seguite da Spagna e Danimarca.

Per quanto riguarda i bollettini, però, l’Italia mostra dei dati migliori rispetto a questi Stati grazie alle lievi restrizioni ancora in vigore e al Green pass. Unica eccezione è la Germania, che ha una situazione leggermente migliore della nostra.

Contents.media
Ultima ora