×

Covid, polmoni di chi è senza vaccino distrutti dal virus: parla il medico del Cotugno di Napoli

"Il vaccino svolge il suo dovere di protezione. I polmoni dei non vaccinati vengono completamente presi dalla malattia", spiega Giuseppe Fiorentino.

Covid polmoni senza vaccino

È il vaccino l’unica arma contro il coronavirus. La soluzione giusta per contrastare la diffusione della malattia e prevenirla. Gli esperti ribadiscono che la vaccinazione non azzera le possibilità di contrarre il virus, ma ne attenua l’incidenza, evitando di ammalarsi in forma grave.

I benefici del vaccino anti-Covid vengono evidenziati anche da Giuseppe Fiorentino, medico del Cotugno di Napoli, il quale ha messo a confronto polmoni di persone positive al Covid e vaccinate con quelli di cittadini contagiati ma senza vaccino. I danni del virus sono evidenti, così come la protezione offerta dal vaccino anti-Covid.

Covid, il confronto tra polmoni di positivi con e senza vaccino

Giuseppe Fiorentino guida la terapia subintensiva dell’ospedale Cotugno, a Napoli, e da ormai un anno e mezzo è in prima linea nella lotta al virus.

Intervistato da Fanpage.it, il medico ha mostrato le nette (ed evidenti) differenze tra i polmoni di positivi al virus dopo essersi vaccinati e pazienti ricoverati a causa del Covid ma non vaccinati. Il confronto conferma che il vaccino attenuta l’incidenza e l’aggressività della malattia, che ancora oggi causa spesso la morte di contagiati non vaccinati.

Covid, il confronto tra polmoni di positivi con e senza vaccino: le parole del professor Giuseppe Fiorentino

Mentre si organizza il piano per cominciare le somministrazioni della terza dose del vaccino anti-Covid, sono ancora molti i cittadini che non hanno neppure ricevuto la prima.

All’ospedale Cotugno di Napoli aumentano i ricoveri di pazienti positivi al coronavirus e il 99% è “no vax”. A spiegalo è Giuseppe Fiorentino, il quale ha poi aggiunto: “Dalle lastre ai polmoni di pazienti positivi al Covid, si vede che il polmone diventa tutto bianco, tutto preso dalla malattia”.

Poi ha raccontato: “Una paziente ultraottantenne con patologia oncologica sottostante non sarebbe sopravvissuta all’infezione Covid, ma grazie alla doppia dose di vaccino la malattia si è limitata a fare piccoli focolai di polmonite. Il vaccino ha svolto a pieno il suo dovere di protezione”.

Covid, il confronto tra polmoni di positivi con e senza vaccino: “I no vax ricoverati spesso si pentono”

I ricoverati più contrari al vaccino ora non sono più con noi. Molti di loro si pentono di non aver attuato la vaccinazione. Abbiamo sentito le scuse più assurde. In un quadro tac di un paziente non vaccinato e positivo notiamo che in una settimana i campi polmonari diventano tutti bianchi e ci sono diversi addensamenti. Il quadro diventa molto impegnativo. Spesso quando ricoveriamo pazienti no vax notiamo una certa aggressività nei nostri confronti”, ha spiegato il professor Fiorentino.

Poi ha confidato: “Una persona di recente ha lasciato il figlio di neanche un anno e mezzo in seguito a un’infezione Covid. Ci ha chiesto di fare il possibile affinché potesse rivedere il figlio. Purtroppo sono state le sue utlime parole prima di essere intubato”.

Contents.media
Ultima ora