×

Ricciardi: “Se non facciamo scelte giuste, ci trasciniamo il Covid anche per tutto il 2022”

Il consigliere del ministro della Salute avverte: "Senza scelte giuste, Covid protagonista anche nel 2022". Ricciardi sul lockdown: "Ipotesi esclusa"

Ricciardi covid

I numeri del contagio aumentano, e mentre Palazzo Chigi pensa a una stretta per frenare la diffusione del Covid messaggi di preoccupazione arrivano da diversi esponenti di governo.

Covid, Ricciardi: “Senza scelte giuste ce lo trasciniamo per tutto il 2022”

Se non facciamo le scelte giuste, ci trasciniamo il Covid per tutto il 2022″. Così Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Speranza, guarda a un futuro in cui il Covid sarà ancora protagonista. Lo confermano i numeri, sempre in crescita: bisogna fare le scelte giuste per sconfiggere una volta per tutte il Covid e liberarsene dopo questo inverno. “Nel 2022 potremmo avere una buona primavera e un’ottima estate. Se non facciamo le scelte giuste, ci trasciniamo il covid per tutto il 2022″ è stato il commento del consigliere a In Onda, su La7.

Covid, Ricciardi: “Lockdown escluso”

La situazione in Italia, grazie all’alto numero di vaccinati, è differente rispetto agli altri Paesi europei, che ora stanno adottando misure più drastiche. “Escludo il lockdown“, dice Ricciardi. Escluso, dal consigliere, anche l’obbligo vaccinale, che l’Austria ha già introdotto a partire da febbraio: “L’obbligo deve esserci per chi professionalmente è a contatto con persone fragili. I bambini sono persone non vaccinate e fragili”, dice, riferendosi al personale scolastico.

“L’obbligo”, generale è una misura troppo divisiva ed estrema, vale la pena promuovere un green pass rafforzato che induca le persone a vaccinarsi”.

Covid, Ricciardi e i cambiamenti sul green pass

Il green pass, infatti, sta per cambiare: sul tavolo del governo l’ipotesi di un certificato verde rafforzato per chi è vaccinato. Ora il green pass si ottiene anche dopo un tampone rapido negativo, ma per Ricciardi non è abbastanza sicuro: “Il tampone antigenico è il vero tallone d’Achille con la variante Delta, nella migliore delle ipotesi lascia scoperto il 30% di falsi negativi.

Con la variante Delta, un positivo contagia 6-7 persone. Per ora l’aumento dei contagi in Italia è incrementale, il rischio è che diventi esponenziale“. Cambiamenti per il green pass anche sulla durata: “C’è un adeguamento dal punto di vista della durata. Noi abbiamo visto che dopo il ciclo vaccinale di base, a 6 mesi di distanza, c’è una diminuzione della protezione e c’è la necessità della terza dose -spiega Ricciardi-. Il green pass di 12 mesi ha una durata eccessiva. Israele lo fa scadere automaticamente dopo 6 mesi, noi dobbiamo rivederlo in base all’effettiva protezione, che passa per la terza dose di richiamo. Io sono convinto che la gente si vaccinerà nuovamente” conclude.

Contents.media
Ultima ora