×

Covid, Russia: tubo dell’ossigeno rotto, nove pazienti positivi morti

Nove pazienti positivi al Covid sono morti presso l’ospedale di Vladikavkaz, in Russia, dopo la rottura di un tubo dell’ossigeno.

Russia

In Russia, nove pazienti risultati positivi al coronavirus sono deceduti in seguito all’improvvisa rottura di un tubo dell’ossigeno. La vicenda, riferita dalle autorità sanitarie locali, si è verificata presso l’ospedale di Vladikavkaz, capitale della repubblica russa dell’Ossezia del Nord.

Covid, Russia: tubo dell’ossigeno rotto, nove pazienti positivi morti

Nella giornata di lunedì 9 agosto, come riportato dall’ANSA, una drammatica circostanza è avvenuta in Russia. Presso l’ospedale Covid di Vladikavkaz, capitale della repubblica russa dell’Ossezia del Nord, infatti, nove pazienti infettati dal SARS-CoV-2 ricoverati nel reparto di terapia intensiva del nosocomio di Vladikavkaz sono morti a causa di un terribile incidente.

I nove soggetti in decenza sono prematuramente scomparsi in seguito all’inaspettata e repentina rottura di un tubo dell’ossigeno.

Il drammatico guasto riscontrato nel sistema di ossigeno, quindi, ha comportato la mancata distribuzione di ossigeno ai pazienti, rivelandosi fatale per i malati presenti in terapia intensiva.

Covid, Russia: pazienti morti per tubo dell’ossigeno rotto, il ministro della Sanità

La notizia relativa alla rottura del tubo di ossigeno e alla morte dei nove pazienti Covid presso l’ospedale russo di Vladikavkaz è stata diramata dalle autorità sanitarie locali.

Poco dopo la pubblicizzazione dell’informazione, poi, le agenzie di stampa russe hanno diffuso le parole del ministro della Sanità Michail Al’bertovič Muraško, che ha dichiarato: “Nove pazienti affetti dal coronavirus sono morti per mancanza di ossigeno all’ospedale Vladikavkaz.

Oggi c’è stata una rottura del sistema di ossigeno legato a un malfunzionamento del sistema di approvvigionamento”.

Covid, Russia: l’andamento della pandemia nel Paese

In relazione alla pandemia da coronavirus, la Russia figura tra i Paesi al momento maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria ancora in atto in contesto internazionale.

A questo proposito, nelle ultime 24 ore, la Nazione ha registrato 22.866 nuovi casi di positività al SARS-CoV-2 e 787 nuove vittime.

Il bilancio totale delle vittime, calcolate dall’inizio della pandemia, invece, ammonta a 164.881 decessi.

Pertanto, appare evidente che le difficoltà causate dalla circolazione del virus e dalla nuova, violenta ondata epidemiologica aumenta in modo assiduo e costante. Nel frattempo, tuttavia, la Russia si è attivata per proseguire con la somministrazione dei vaccini alla popolazione, accelerando in modo significativo la campagna vaccinale. In questo modo, il governo russo spera di riuscire ad alleggerire al più presso la pressione esercitata sulle terapie intensive e immunizzare i cittadini di uno Stato in cui il tasso di mortalità provvisorio è dato al 2,56%.

Contents.media
Ultima ora