×

Covid, Speranza: “Corridoi turistici Covid-free per mete fuori dall’UE”

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che istituisce corridoi turistici Covid-free per mete che si trovano fuori dall’UE.

ordinanza
CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 82

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza con la quale è stata avviata una sperimentazione che si avvarrà di specifici protocolli di sicurezza. L’ordinanza stabilisce l’istituzione di corridoi turistici Covid-free verso mete che si trovano al di fuori dei confini dell’Unione Europea.

In particolare, i corridoi turistici collegheranno l’Italia ad Aruba, alle Maldive, a Mauritius, alle Seychelles, alla Repubblica Domenicana e, ancora, a zone turistiche dell’Egitto come Sharm El Sheikh e Marsa Alam.

Covid, Speranza: “Corridoi turistici Covid-free per mete fuori dall’UE”

Nella giornata di martedì 28 settembre, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l’ordinanza con la quale si procederà all’istituzione di corridoi turistici Covid-free che, in via sperimentale e seguendo rigidi protocolli di sicurezza, collegheranno l’Italia a mete che si trovano al di fuori dell’Unione Europea.

In relazione a quanto previsto dall’articolo 1 dell’ordinanza recentemente firmata da Speranza, è possibile leggere quanto segue: “Sono considerati ‘corridoi Covid-free’ tutti gli itinerari in partenza e in arrivo sul territorio nazionale finalizzati a consentire la realizzazione di viaggi turistici controllati, compresa la permanenza presso strutture ricettive selezionate, secondo specifiche misure di sicurezza sanitaria idonea a garantire che i servizi fruiti siano resi nel rispetto delle norme e cautele per la prevenzione del rischio di contagio da Covid-19“.

Covid, Speranza: le mete extra europee considerate corridoi turistici Covid-free

Il documento, inoltre, specifica quali sono gli “itinerari turistici controllati” che sono stati inclusi nella sperimentazione dei corridoi turistici Covid-free, asserendo: “In via sperimentale i corridoi turistici Covid-free sono operativi verso Aruba, Maldive, Mauritius, Seycehelles, Repubblica Dominicana ed Egitto, limitatamente alle zone turistiche di Sharm el-Sheikh e Marsa Alam”.

Per quanto riguarda i viaggi organizzati verso simili mete, questi avverranno “secondo specifiche misure di sicurezza sanitaria” che saranno applicate alle partenze e agli arrivi e si estenderanno anche alla “permanenza in strutture ricettive selezionate”.

Covid, Speranza: Green Pass, tamponi e quarantena

Per poter aderire alla sperimentazione dei “corridoi turistici Covid-free”, sarà necessario essere in possesso del Green Pass e, entro le 48 ore che precedono il viaggio, si dovrà effettuare un tampone antigenico o molecolare con esito negativo.

Nel caso in cui il soggiorno dovesse durare una o più settimane, sarà necessario effettuare un altro tampone a metà del soggiorno.

Inoltre, nel momento in cui si farà ritorno in Italia, non sarà necessario rispettare l’obbligo di quarantena o isolamento fiduciario se, all’imbarco, si mostra un ulteriore tampone antigenico o molecolare, fatto entro le 48 ore prima del viaggio di rientro, e se ci si sottopone a un ultimo test anti-Covid una volta arrivati in aeroporto.

Infine, nel corso del soggiorno in hotel oppure in resort, i tour operator locali dovranno garantire il rispetto delle indicazioni fornite per la “prevenzione e la protezione dal rischio contagio da coronavirus”.

Contents.media
Ultima ora