×

Covid, test salivari a scuola in Lombardia da maggio: l’annuncio di Fontana

Covid, test salivari a scuola in Lombardia da maggio: l’annuncio di Fontana. "Monitoraggio ancora più accurato senza distogliere personale sanitario"

Attilio Fontana

Covid, test salivari a scuola in Lombardia da maggio: è arrivato l’annuncio di Attilio Fontana in tema di ulteriori soluzioni di lotta al covid. Ecco la sua dichiarazione: “Da maggio la Lombardia utilizzerà in ambito scolastico i test salivari molecolari frutto di una sperimentazione attuata dall’Università degli Studi di Milano”.

E Fontana ha sottolineato la particolare utilità della procedura in questione spiegando: “Questi test, meno invasivi e più semplici da utilizzare, hanno la stessa validità del tampone nasofaringeo molecolare. Ci consentiranno pertanto di attuare un monitoraggio ancora più accurato della diffusione del virus, senza la necessità di impiegare personale sanitario, che potrà dedicarsi alla campagna vaccinale e alla cura dei pazienti ricoverati e non negli ospedali”. 

Test salivari a scuola: l’ok di Speranza

Ma a quando risale la richiesta ufficiale di adottare la procedura del test salivare scolastico? Fontana, che sta per “incassare” la zona gialla per la regione amministrata dal Pirellone, spiega che “la richiesta di utilizzare i salivari molecolari era già stata avanzata diversi mesi fa al Cts nazionale senza ottenere risposte. Finalmente ieri il ministro Speranza ha confermato che tutti i tipi di test già autorizzati in Paesi che fanno parte del G7 possono essere utilizzati anche in Italia”.

La nota velatamente “polemica” del governatore lombardo non è sfuggita ai media, nota per la quale una richiesta avanzata da tempo sarebbe stata “finalmente” presa in considerazione solo in questi giorni.

Lombardia prima in Italia

Poi la chiosa che fa il paio proprio con le richieste delle regioni di questi giorni sia in materia di dad che proprio di test salivari. “Pertanto, considerando che questo test ha già ottenuto l’autorizzazione in gran parte di questi tra cui la Francia, Usa e Giappone, la nostra regione sarà la prima ad utilizzarlo in Italia, in sostituzione del tampone molecolare nasofaringeo, al momento unico strumento per confermare la positività al Covid-19”. 

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora