×

Credit, Faith,Trust: una mostra dalla serie Landscape with Houses di James Casebere

default featured image 3 1200x900 768x576

james casebere 6
James Casebere
Credit, Faith,Trust
7 September1 October 2011
Lisson Gallery 52-54 Bell Street

Credit, Faith, Trust, an exhibition of new and recent
works from James Casebere’s Landscape with Houses series

Credit, Faith, Trust una mostra di nuovi e recenti lavori di James Casebere dalla serie Landscape with HousesPaesaggio di Case.

A lavorare in prima linea nella fotografia ‘costruita’ dopo la fine degli anni Settanta, è Casebere associato con The Pictures Generation, un gruppo di artisti che hanno combinato negli anni ’70 e ’80 l’ossessione Pop e la cultura dei media con il quadro critico di arte concettuale di ridefinire la fotografia come un mezzo postmoderno.

Basata sulla sua comprensione dell’architettonico e dell’antropologico, di fonti storico-artistiche e cinematografiche, la fotografia di Casebere è dettagliata e mira ad affrontare i problemi sociali contemporanei e storici.

Il suo lavoro sfida i confini tra realtà e immaginazione, quando si occupa di alienazione nell’America degli anni Sessanta, di schiavitù e colonialismo.

Tutti temi da affrontare attraverso visioni in bianco e nero di mulini, cotone e carri coperti con le frecce dei nativi americani, o per mettere in discussione
l’incarcerazione e il significato degli edifici statali.
Le opere in mostra vogliono essere un ritorno al paesaggio americano, un soggetto che Casebere ha iniziato a studiare più di trent’anni fa con le opere, la vita, la sua storia.

Nella serie Landascape with Houses, l’artista esprime con fascino il concetto vernacolare di casa. Le immagini sono attentamente costruite in composizioni alla base di una ricostruzione della periferia di Dutchess County nello stato di New York, come un modello in studio dell’artista.

Nell’intento di ricostruire un’esperienza di paesaggio della memoria, ogni singolo modello di casa è stato creato uno ad uno e solo successivamente collocato su un set, e riassemblato in diverse configurazioni.

Colori, caratteristiche architettoniche e dettagli, e la scala relativa delle parti sono stati rivisti più volte, con un conseguente pastiche del quartiere ideale suburbano.

Tre parole possono esprimere i valori acquisiti su cui queste comunità sono, forse verosimilmente costruite: Credit, Faith,Trust Credito, Fede, Fiducia.

Casebere descrive le opere in questa mostra come ‘una risposta alla crisi dei mutui subprime, e la follia del nostro modo di vivere nell’era del globale, il riscaldamento e la fine del petrolio, quando per più ragioni di uno, il sogno americano di una casa di proprietà è diventato una fantasia pericolosa‘.

Le immagini sono quasi sinistre nella loro perfezione imperfetta. Il punto di vista aereo ricorda un’indagine territoriale e quindi suggestivamente onnisciente. Il colore seducente degli schemi degli edifici, il sole abbagliante e gli arcobaleni perfetti sono immagini dichiaratamente pittoresche, che mirano a suggerire una costruzione di verità. Dopo un’attenta ispezione degli elementi architettonici mancanti, i rapporti di scala incongrui e le imperfezioni, il lavoro assume un inquietante elemento surreale.

Dopo il successo di critica che la serie ha ricevuto alla Biennale di Whitney nel 2010, tre nuove immagini sono state prodotte appositamente per la mostra che al Lisson Gallery saranno presentate per la prima volta. Tra questi, due scene notturne contro l’atmosfera idilliaca delle scene di giorno. Dominato da un diamante di baseball in primo piano, una delle immagini ritrae un quartiere residenziale di villette a schiera al crepuscolo.

Piccoli falò sono istituiti nei giardini, forse per segnalare una celebrazione. Tuttavia a ben guardare, alcuni degli incendi sembrano bruciare automaticamente, le fiamme minacciosamente si avvicinano alle case e illuminano l’orizzonte, come se fossero selvaggi incendi boschivi.

Il sogno di proprietà della casa e di una periferia tranquilla ha lasciato il posto alla omogeneità di classe e una standardizzazione di stile. Il fuoco in queste immagini non è tanto una minaccia naturale, bensì manifestazione materiale di un incubo, la minaccia di instabilità sociale, economica e perdita di controllo.

James Casebere è nato nel 1953 a Lansing, nel Michigan. Attualmente vive e lavora a New York. Casebere ha tenuto mostre personali alla Galerie Pfrien, Lacoste, Francia; Museo d’Arte Contemporanea, Cleveland, Ohio; Institute of Contemporary Arts, Philadelphia, PA; Addison Gallery, Andover, MA, Musée d’Art Contemporain, Montreal, Quebec; Indianapolis Museum of Art, Indianapolis, Museum of Modern Art, Oxford; Centro Galego de Arte Contemporanea, Santiago de Compostela, in Spagna, e il Centro Sainsbury per Visual Arts, Norwich, Inghilterra.

Mostre collettive recenti: 2010 Whitney Biennial, Whitney Museum of American
Art, New York; Haunted: Fotografia Contemporanea / Video Performance, Solomon R.
Guggenheim Museum, New York, Atopia: Art and the City in the21st Century, CCCB,
Barcellona, ??Spagna; La generazione Immagini al Metropolitan Museum of Art di New York; Into the Sunset: Photography Immagine del West americano, Museum of Modern Art, New York e Paesaggi dell’Invisibile, Galleria Traghetto, Roma, Italia.

Casebere è il destinatario di borse di studio tra cui il National Endowment for the Arts, New York Foundation for the Arts e la John Simon Guggenheim Memorial Foundation.

Il suo lavoro è stato raccolto e ospitato da musei di tutto il mondo, tra cui la Tate Modern, Londra, Victoria and Albert Museum di Londra, il Whitney Museum of American Art, New York, Solomon R.Guggenheim Museum e il Metropolitan Museum of Art di New York, Walker Art Center, Minneapolis; Mukha, Anversa e la Collezione Goetz, Monaco di Baviera.

Una nuova monografia dal titolo, James Casebere, Opere 1975-2010, a cura di Okwui Enwezor viene pubblicata questa estate da Damiani Editore. Oltre 130 tavole a colori mettono in evidenza il lavoro di Casebere degli ultimi 35 anni. I testi includono una prefazione di Toni Morrison e Fred Morrison, un saggio di Hal Foster, e una conversazione tra il signor Enwezor e l’artista.

James Casebere parteciperà ad un incontro, conversazione con Mark Godfrey, curatore della Tate Modern e con il direttore Curatoriale della Lisson Gallery, Greg Hilty, Venerdì 9 settembre, 12.30 – 13:30 presso Lisson Gallery 52-54 Bell Street.

Orario di apertura: da Lunedi a Venerdì 10:00-18:00, Sabato 11:00-17:00
Località: 52-54 Bell Street, Londra, NW1 5DA
Tel: + 44 (0) 20 7724 2739



HyperCounter


Bpath Contatore

Contents.media
Ultima ora