Crisi economica: Inversione di tendenza? - Notizie.it
Crisi economica: Inversione di tendenza?
Economia

Crisi economica: Inversione di tendenza?

La crescita economica italiana è ad un “punto morto” e la previsione di crescita del PIL nel 2011 è data solo al 1,1% , rispetto al resto dei paesi europei lo si può considerare uno tra i più bassi. Lo annuncia la Commissione europea nelle sue previsioni economiche intermedie, spiegando che «questo dato rappresenta una revisione al ribasso delle già deboli stime di crescita che si stanno andando a formulare in questo inizio di primavera, che sono pari allo 0,5%».
Si può ben dire che i consumi italiani stagnano. I cittadini avvertono che la ripresa economica è ancora debole, nonostante che ci sia più fiducia rispetto ad un anno fa, al momento prevale un atteggiamento di prudenza e moderazione che spinge a soddisfare in primo luogo i bisogni essenziali. In questo gennaio i consumi delle famiglie hanno registrato un -0,1% rispetto a dicembre 2010 ed un -1,9% rispetto a gennaio del 2010.

Lo studio svolto dalla Confcommercio e dal Censis sottolineano quindi che una vera e propria inversione di tendenza è ancora lontana.
Di conseguenza oltre un terzo delle famiglie, negli ultimi mesi, non ha rinunciato a nulla, i restanti due terzi hanno ridotto la spesa o per lo meno hanno effettuato qualche sacrificio.
A preoccupare ulteriormente il contesto economico che stiamo vivendo è dato da più fattori, come l’instabilità del clima politico nazionale ed internazionale, vedi la situazione che sta vivendo il nord Africa con le sue rivoluzioni in atto, e l’elevato tasso disoccupazione presente nel nostro paese. A tutto questo si aggiungono l’eccessivo livello di tassazione e una preoccupazione reale e concreta per i giovani a trovare un lavoro stabile che non sfoci in un precariato perenne, rendendo fattivamente impossibile delineare un futuro stabile e garantito. Per il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, ha sottolineato che «il nuovo Federalismo “municipale” non aiuta la ripresa, perché le misure contenute nel provvedimento (con l’aumento delle tasse locali) potrebbero ostacolare la ripresa della domanda».

Sempre secondo il Presidente di Confcommercio, «è necessario fare ripartire la domanda interna che non deve essere frenata dalla tassa di soggiorno, dall’Imu sugli immobili e dall’incremento dell’Iva. Sono sempre più necessarie – ha così concluso nella sua intervista – che le riforme come il federalismo fiscale dovrebbero portare ad una riduzione generalizzata della pressione fiscale e dei costi della burocrazia interna».
Inoltre la Commissione UE ha rivisto al rialzo le stime sull’inflazione italiana, che a fine 2011 dovrebbe attestarsi intorno al 3,7%, prevedendo un ulteriore crescita non controllata grazie al continuo aumento dei carburanti che sta avvenendo in questi giorni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Apple iPhone 6s Plus 32GB Grigio - Grey
439 €
Compra ora
Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Diadora Cyclette Lilly Rigenerata
79.95 €
173 € -54 %
Compra ora
Prozis Corehr - Smartband Con Cardiofrequenzimetro
24.99 €
41.67 € -40 %
Compra ora