Cocaina tra gli ananas: 29 arresti tra Italia e Spagna
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Cocaina tra gli ananas: 29 arresti tra Italia e Spagna
Cronaca

Cocaina tra gli ananas: 29 arresti tra Italia e Spagna

cocaina tra gli ananas

Smantellate due bande criminali e arrestate 29 persone tra l'Italia e la Spagna. Trafficavano e spacciavano cocaina proveniente dalla Costa Rica.

La squadra Mobile di Milano, in cooperazione con la Guardia Civil, ha smantellato due organizzazioni criminali dedite al traffico e allo spaccio di cocaina. La droga viaggiava in container carichi di ananas, provenienti dalla Costa Rica.

Cocaina viaggia nella frutta

Smantellate tra l’Italia e la Spagna due associazioni per delinquere, la prima finalizzata al traffico internazionale di cocaina e la seconda allo spaccio organizzato di piazza. L’operazione, coordinata dalla Dda di Milano, ha portato all’arresto di 29 persone, tutti italiani (tre residenti a Barcellona), tre magrebini e un albanese. Nel corso del blitz, avvenuto nella serata di ieri e nelle prime ore della mattinata di oggi, sono stati sequestrati 219 chili di cocaina e un gran numero di armi.

La droga veniva importata prevalentemente dalla Costa Rica. Gli investigatori sono riusciti a risalire all’importazione della sostanza stupefacente dal Sud America dopo aver arrestato nei mesi scorsi alcuni spacciatori che, in maniera quasi “imprenditoriale”, gestiva alcune piazze in provincia di Pavia.

Gli inquirenti nel marzo 2017 sono riusciti quindi ad intercettare nel porto di Livorno 215 chili di cocaina occultati all’interno di alcune casse di ananas, trasportate in due differenti container.

Tra gli arrestati anche un 62enne entrato per la prima volta in carcere a 16 anni e che recentemente ha chiesto la grazia al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Attualmente era in semilibertà. E’ stato fermato vicino al carcere di Bollate, dove doveva tornare a dormire, e nella sua auto sono stati trovati 27 chili di hashish, 3 chili di cocaina e due pistole con un silenziatore.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche