Genzano, esplode palazzina: "Possibile fuga di gas"
Genzano, esplode palazzina: “Possibile fuga di gas”
Cronaca

Genzano, esplode palazzina: “Possibile fuga di gas”

genzano esplode palazzina

A Genzano i vigili del fuoco sono intervenuti per l'esplosione e il crollo parziale di una palazzina. Si pensa ad una fuga di gas.

Un fortissimo boato ha svegliato in piena notte tutti i residenti dell’antico borgo di Genzano, ai Castelli romani. A causarlo una violenta esplosione che ha provocato il crollo parziale di una palazzina di tre piani in via Cesare Battisti. La palazzina si trova in pieno centro storico, a due passi dal municipio. La prima ipotesi sulle cause della deflagrazione indicano una probabile fuga di gas, avvenuta probabilmente al primo piano rialzato dell’edificio. Il tutto è accaduto durante la notte, a mezz’ora dallo scoccare della mezzanotte. Immediati i soccorsi sul luogo dell’esplosione per limitare i danni alle strutture e soccorrere le persone coinvolte. Tra i feriti vi sarebbe anche un nome noto: il quarantenne Alessandro Abbatini, figlio di Bruno, ex giocatore della Roma Calcio.

Esplode palazzina: due feriti

Considerata la forza distruttiva dell’esplosione, i soccorritori hanno, sulle prime, temuto per il peggio. Diverse squadre dei vigili del fuoco sono arrivate dal comando di Frascati, affiancate dalle forze di polizia e dai carabinieri, impegnati ad isolare la zona per consentire ai soccorsi di intervenire rapidamente.

Evacuata l’intera palazzina, le squadre dei pompieri hanno svolto verifiche tecniche e la messa in sicurezza dell’area. Il primo bilancio dei feriti riporta il coinvolgimento di sole due persone, un uomo e una donna, entrambi inquilini della palazzina di via Cesare Battisti. I feriti sono stati inizialmente trasferiti al pronto soccorso dell’ospedale di Albano e a quello del Paolo Colombo di Velletri. Poi per uno di loro è stato disposto il ricovero al Sant’Eugenio di Roma, struttura più attrezzata nel trattamento delle ustioni di secondo grado causate dallo scoppio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche