Foggia, ambulanza non arriva: aggredita una dottoressa
Foggia, ambulanza non arriva: aggredita una dottoressa
Cronaca

Foggia, ambulanza non arriva: aggredita una dottoressa

eroina

Una dottoressa della Asl di Foggia è stata aggredita verbalmente e presa a schiaffi perché l'ambulanza tardava ad arrivare.

Ennesima aggressione ai danni di un medico. Stavolta è accaduto alla periferia di Foggia, e ad essere presa a schiaffi e attaccata verbalmente è stata una dottoressa della Asl che era intervenuta per soccorrere una persona rimasta vittime di un incidente stradale.

Aggredita perché ambulanza fa ritardo

Nello scontro sono rimaste coinvolte un’automobile e una motocicletta. Stando alle prime ricostruzioni, la dottoressa è giunta sul luogo dell’incidente a bordo di un’automedica. Dopo aver valutato le condizioni del ferito, ha chiamato il 118 e chiesto l’intervento di un’ambulanza. Dalla centrale però le è stato riferito che in quel momento non c’erano mezzi disponibili. “Alla segnalazione da parte dell’operatore della mancanza di ambulanze disponibili mi raccomandavo di liberarne una il più presto possibile” precisa il medico.

Ciò non è servito a placare la rabbia di alcuni presenti, forse parenti del ferito, che si sono a quel punto scagliati contro la dottoressa. Alcune persone hanno esortato la dottoressa, in maniera brutale, ad accelerare le operazioni di soccorso.

Ad un certo punto però la donna si è sentita completamente circondata. Una persona le ha quindi tirato improvvisamente uno schiaffo, colpendola allo zigomo e causandole la rottura degli occhiali. Un’altra invece l’ha strattonata violentemente e le ha sottratto di mano il telefono con cui stava chiamando la centrale del 118, scaraventato poi a terra.

Gli animi si sono placati solo quando è giunta finalmente un’ambulanza, che ha trasportato in codice rosso il ferito al Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti. La dottoressa, dopo aver informato la Asl dell’accaduto, annuncia che presenterà denuncia formale alla polizia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche