Luca Cardillo affetto da tumore: sarà curato in Texas | Notizie.it
Luca Cardillo affetto da tumore: sarà curato in Texas
Cronaca

Luca Cardillo affetto da tumore: sarà curato in Texas

luca cardillo

Luca Cardillo, affetto da osteosarcome alla gamba, volerà negli Stati Uniti dove verrà visitato e sottoposto a un ciclo di cure.

Il 23enne siciliano volerà a Houston in Texas dove si sottoporrà ad una cura sperimentale. Luca Cardillo è affetto da tumore maligno alla gamba destra e da metastasi polmonari. Il giovane aveva lanciato un appello per chiedere aiuti economici per affrontare il lungo viaggio. Grazie ai contributi ottenuti, Luca partirà il 6 novembre.

Luca Cardillo sarà operato negli Usa

Il 7 novembre Luca Cardillo, 23enne di Giarre (Sicilia) verrò visitato da una delle equipe mediche più importanti del mondo. Il giovane è affetto da un osteosarcoma alla gamba destra, un tumore maligno che in Italia non è operabile, e da metastasi ai polmoni. La sua unica speranza è dunque quella volare negli States, precisamente a Huston, dove verrà visitato ai medici del MD Andreson Cancer Center dell’Università del Texas.

Per prima cosa verrà analizzato l’osteosarcoma alla gamba, poi, in una seconda visita verranno analizzate anche le metastasi ai polmoni. L’appuntamento nella prestigiosa clinica è costato alla famiglia di Luca 23 mila euro.

Alla visita farà seguito un ciclo di cure di 6 settimane, al termine delle quali Luca dovrebbe essere operato alla gamba destra per la rimozione del tumore. L’obiettivo primario è quello di non dover arrivare alla totale amputazione dell’arto. Tutto però dipende da come Luca risponderà alle cure, tutte sperimentali.

Luca si era trasferito a Roma per inseguire il suo sogno, diventare un attore. Dopo aver accusato diversi dolori, scopre, attraverso una risonanza magnetica, di avere un tumore maligno alla gamba destra. In un secondo momento gli verranno diagnosticate anche metastasi ai polmoni. Dopo una serie di cure in ospedale, Luca viene dimesso con una “chemio in compresse” che però lui decide di non assumere a causa dei pericolosi effetti collaterali.

I costi e la raccolta fondi

Il viaggio negli Stati Uniti prevede dei costi altissimi. Solo la prima visita del 7 settembre costerà alla famiglia 23 mila euro. Successivamente la famiglia dovrà pagare l’aereo che trasporterà Luca nel continente americano. Il ragazzo non potrà infatti salire a bordo di un normale aereo di linea ma dovrà utilizzare un aereo medicale privato. A bordo del velivolo ci sarà un equipe medica pronta per qualsiasi necessità. L’aereo inoltre dovrà volare a bassa quota. La traversata durerà circa 13 ore e terminerà nell’aeroporto di Huston. Sono previsti 3 scali per il rifornimento carburante. Il costo dell’aereo è stimato in 100 mila euro.

Lo scoglio più grande per la famiglia sarà però il costo dell’eventuale intervento che Luca dovrà affrontare se le cure faranno effetto.

Per aiutare la famiglia è partita una straordinaria gara di solidarietà. 220 mila euro sono stati raccolti sulla sola piattaforma Go fund me, altri 10 mila sono stati raccolti dal comitato jonico-etneo della Croce Rossa. Quasi 2 mila euro invece arrivano da un concerto di beneficenza tenutosi a Catania.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche