Omicidio Ragusa, Logli in tv: spero che Roberta torni a casa
Omicidio Ragusa, Logli in tv: spero che Roberta torni a casa
Cronaca

Omicidio Ragusa, Logli in tv: spero che Roberta torni a casa

Antonio Logli

Antonio Logli ed il figlio Davide vanno in tv e sostengono che Roberta Ragusa è ancora viva. "Vogliamo soltanto che torni", dicono.

Antonio Logli parla in tv dopo la condanna in Appello a venti anni di carcere per l’omicidio di Roberta Ragusa, il cui corpo non è stato ancora trovato. L’uomo dichiara di sperare che la moglie torni e ribadisce di essere innocente. Dalla parte del padre anche il 20enne Daniele Logli, convinto del fatto che la mamma si sia allontanata volontariamente da casa.

Antonio e Daniele Logli in tv

“Per me, per noi è viva e spero che torni. Se l’assassino sono io, che non le ho fatto niente, allora deve tornare. A meno che non sia successo qualcos’altro” afferma Antonio Logli. Il marito di Roberta Ragusa ha accettato infatti di farsi intervistare dai giornalisti di Quarto Grado, nella casa in provincia di Pisa dove vive con la nuova compagna Sara Calzolaio ed i figli. Dichiarazioni che non hanno mancato di far suscitare polemiche, soprattutto dopo la condanna in appello di Logli a venti anni di carcere, per l’omicidio e l’occultamento di cadavere della moglie.

Nello studio di Quarto Grado presente invece Davide Logli, il figlio di Antonio e Roberta.

Anche in questa occasione, difende il padre non credendo assolutamente alla verità processuale. Quando Gianluigi Nuzzi gli chiede se vuole inviare un messaggio alla madre, visto che la ritiene ancora in vita, il 20enne precisa: “Non penso ci sia bisogno di un appello, se lei ci sta guardando sa già la situazione in cui ci troviamo, sa che ci manca. Lei lo sa che vogliamo soltanto che torni, la mia speranza è che almeno stia bene, poi, il resto non lo so…”.

Nel corso della trasmissione Antonio Logli spiega anche perché non si era separato da Roberta Ragusa visto che intratteneva da tempo una relazione extraconiugale con Sara Calzolaio, all’epoca dei fatti baby sitter dei figli della coppia. L’uomo sostiene: “Perché i ragazzi erano piccoli e volevo aspettare che fossero più grandi, – aggiungendo – una volta ne ho anche parlato a Roberta e lei mi ha risposto ‘è meglio di no’, allora siamo rimasti insieme”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche