×

Ex modella sfigurata per colpa del laser: “Voglio giustizia”

Cristina Guidetti parla per la prima volta dopo l'intervento laser che le ha lasciato diverse cicatrici al volto: "Nemmeno un euro di risarcimento".

sfigurata per colpa del laser chirurgo condannato

Dopo quella operazione sono rimasta sfigurata, riportando sul mio volto delle cicatrici che mi resteranno per sempre, nonostante i 42 trattamenti affrontati successivamente, che mi sono costati 93mila euro”. Cristina Guidetti, ex modella modenese di 45 anni, parla per la prima volta in sei anni in occasione della condanna del reale responsabile del suo calvario.

Massimo Rambotti è stato condannato ad un anno (ma con pena sospesa) per quell’intervento di resurfacing che lasciò sul volto di Cristina dei terribili segni. È il chirurgo della clinica privata di Padova cui la donna si rivolse per la rimozione laser di alcune piccole imperfezioni. Un’operazione di routine che l’ex modella, all’epoca – era il 31 gennaio del 2012 – 39enne, aveva chiesto e concordato con il proprio medico.

Sfigurata dal chirurgo: “Nessun risarcimento”

“Ho perso il mio lavoro di modella – prosegue la donna nel suo racconto, pubblicato recentemente da Il Resto del Carlino -, atteso più di sei anni per vedere la sentenza di primo grado. Ad oggi non ho ricevuto nemmeno un euro di risarcimento. Vi sembra questa giustizia?”. Ha così denunciato l’ex modella dopo l’arrivo della tanto attesa sentenza a carico dell’uomo che l’ha sfigurata: “Mi fidavo, era tra i più stimati” ha ammesso la donna.

Il giudice monocratico di Padova ha riconosciuto Rambotti colpevole di lesioni gravissime. Ma la querela risale al settembre del 2012 e la prescrizione di reato per il medico imputato è “dietro l’angolo”.

cristina ex modella sfigurata

Sfigurata dal chirurgo: “7 anni da reclusa”

Cristina ha atteso quasi sette anni per avere giustizia e ora si sente tradita: “Per tutti questi anni sono andata alle udienze, sempre – dice ai giornalisti -. Anche quando i trattamenti che facevo per curarmi mi rendevano un mostro. Le mie condizioni erano la prova evidente di cos’era accaduto. Eppure non è bastato”. Oggi l’ex modella mostra fiera il suo volto che ancora porta i segni di quello che la chirurgia estetica le ha tolto. Ma il è stato un duro percorso di auto accettazione e reintegrazione: “Quando uscivo di casa la gente mi schivava – racconta -. Nonostante i miracoli da altri medici i segni resteranno per sempre. Quanto ci vorrà ancora per avere un risarcimento in sede civile? Il dolore che ho provato non è bastato? La giustizia, quella vera, è qualcos’altro“.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora