Maltempo in Val d'Aosta, albero cade su un'auto: due morti
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Maltempo in Val d’Aosta, albero cade su un’auto: due morti
Cronaca

Maltempo in Val d’Aosta, albero cade su un’auto: due morti

maltempo

A causa delle piogge cadute in questi giorni e del vento, in Val d'Aosta un castagno si è abbattuto su un'auto: morte le due persone a bordo.

Il maltempo causa altre vittime. Nella giornata di oggi, 1 novembre 2018, due persone sono morte perché rimaste schiacciate dall’ennesimo albero divelto dalla furia del vento. Un’automobile è stata infatti improvvisamente travolta da una grossa pianta mentre percorreva la strada regionale numero 44 nella valle di Gressoney nei pressi di Lillianes, in Val d’Aosta.

Maltempo: altri due morti

All’interno dell’abitacolo della vettura c’erano un uomo e una donna di circa 70 anni. Entrambi sono morti sul colpo, incastrati tra le lamiere dell’auto schiacciata dall’albero. “Sono cadute altre piante in questi giorni. Fino ad ora non c’erano state vittime o feriti, purtroppo questa mattina il castagno ha colpito in pieno la macchina su cui viaggiavano il conducente e una passeggera” riferisce il sindaco di Lillianes, Daniele De Giorgis.

In alcuni casi la caduta delle piante ha causato anche l’interruzione dell’energia elettrica. Segnalazioni di alberi caduti infatti sono giunte da Challand-Saint-Anselme, Verrès, Issogne, Brusson, Hône, Bard, Antey-Saint-André, Donnas, Nus, Saint-Barthélemy Torgnon e Champorcher.

Sulla Val d’Aosta è stata emessa un’allerta gialla, ed infatti sulla regione continua a piovere incessantemente da questa mattina.

Sulla strada statale 26 a Pré-Saint-Didier, nei pressi della prima galleria che porta a La Thuile una grossa pietra è invece caduta in mezzo alla strada. Il sindaco della cittadina, Riccardo Bieller, assicura che “nessun veicolo è rimasto coinvolto”. Tante le situazioni critiche ma “le condizioni meteo impediscono di svolgere un sopralluogo in elicottero per verificare la situazione dall’alto”, puntualizza Bieller.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche