×

Auschwitzland, la Ticchi: “La maglietta mi è stata regalata”

La donna si è scusata dopo le polemiche affermando: "La maglietta Auschwitzland mi è stata regalata, ho sbagliato ad accettarla".

selene 768x960

Selene Ticchi è stata al centro di una giustificata polemica dopo che aveva indossato una maglietta raffigurante l’entrata del campo di concentramento polacco con sotto la scritta “Auschwitzland“. Paragone, quello tra il campo di concentramento e il parco divertimenti che più fuori luogo non poteva essere.

Anche a causa del luogo dove l’ha indossato, a Predappio, dove giace la tomba di Benito Mussolini. La donna dopo aver visto la portata delle accuse ritratta dicendo: “La maglietta Auschwitzland mi è stata regalata, ho sbagliato ad accettarla”.

La donna tenta di scusarsi

“Solo humor nero” dice la donna intervistata al telefono dalla trasmissione “Stasera Italia“, tentando di chiudere l’infinita sequela di contestazioni che da domenica 28 ottobre 2018 si sono succedute, sia in Italia, sia all’estero.

Infatti la questione ha avuto talmente tanto eco diverse testate di notiziari stranieri l’hanno riportata. “Non volevo mandare nessun messaggio, quella maglietta mi è stata regalata e ho sbagliato ad accettarla”. Sull’accaduto era intervenuto anche il leader del movimento neofascista Casapound Simone Di Stefano che in un post su Facebook ha scritto: “Maledetti pagliacci mascherati che ogni anno andate a Predappio a disonorare i morti con le vostre sguaiate marcette.

Fate a gara con chi si mette la maglietta più imbecille perché siete le scimmie ammaestrate degli antifascisti”. Per questo avvenimento inoltre Casapound ha deciso di sospendere la militante dopo la notizia.

L’interrogazione parlamentare

Presentata un’interrogazione parlamentare sulla vicenda la donna si è detta subito sorpresa da questa decisione. “Quante ce ne sono di magliette ben peggio della mia? Ho sbagliato e su questo non ci piove. Potevo evitare, ma farne un caso internazionale con addirittura offese nei confronti di mia madre e di mia figlia, è il massimo.”

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora