Striscia la Notizia, scontrini maggiorati: aggredito inviato
Cronaca

Striscia la Notizia, scontrini maggiorati: aggredito inviato

Scontrini più cari per gli stranieri: l'inviato di Striscia la Notizia Riccardo Trombetta insultato e minacciato dal gestore di un bar di Roma.

‘Ti stacco il naso’, ha detto, agitando un paio di pinze da carpentiere, il gestore del bar romano incriminato di applicare maggiorazioni ai clienti stranieri, evidentemente agitato e sotto pressione. E’ solo una tra le tante nella sfilza di minacce e offese verbali rivolte all’inviato di Striscia la Notizia, il tg satirico diretto da Antonio Ricci, nella puntata andata in onda su Canale 5 il 5 novembre 2018.

Striscia la Notizia, inviato aggredito

Nel video mandato in onda su prima del confronto tra Trombetta e il gestore del bar, veniva mostrato, tramite degli attori, come a un cliente straniero che consumasse gli stessi identici prodotti di un cliente italiano venissero emessi scontrini con maggiorazioni di oltre il 30% sul prezzo totale. Nello specifico, mentre un italiano spendeva circa 11 euro, uno a straniero venivano addebitati circa 16 euro. Davanti alle telecamere, chiedendo che gli venissero mostrati gli scontrini portati come prova per l’accusa, il gestore li ha strappati dalle mani di Riccardo Trombetta.

Scontrini maggiorati, parla il titolare

Il gestore, che da subito si è dimostrato ostile alle telecamere e infastidito dal ritorno sulla scena dell’inviato, ha rivolto insulti al cameraman e ai passanti e, in seguito alle accuse ricevute, ha dichiarato che si sarebbe riservato di sporgere denuncia.

Al che Trombetta lo avrebbe esortato a procedere, dal momento che Striscia la Notizia possiede prove sufficienti per un’eventuale accusa. Il proprietario dell’esercizio ha poi sfidato Trombetta a dare un’occhiata ai menu per dimostrare la propria buona fede ma, vedendosi messo alle strette, li ha poi utilizzati per colpire alla testa l’inviato. La sua dichiarazione finale: ‘Quando venite da queste parti vi devono massacrare’.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche