×

Modena, cinese picchia la moglie: ha lavorato “solo” 12 ore

Condividi su Facebook

Un 38enne cinese ha picchiato la moglie davanti ai figli perchè aveva chiesto di riposarsi. L'uomo è stato arrestato dai carabinieri di Concordia.

carabinieri
carabinieri

Un 38enne cinese ha picchiato la moglie davanti ai figli accusandola di aver lavorato “solo” 12 ore. La donna, impaurita, è fuggita in strada. Alcuni passanti hanno chiamato i carabinieri che hanno arrestato l’uomo.

“Ha lavorato solo 12 ore”: cinese arrestato

Un cinese di 38 anni ha picchiato la moglie, sua connazionale, perchè ha lavorato “solo” 12 ore. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Medolla, a Concordia Sulla Secchia, in provincia di Modena, intervenuti in seguito alla segnalazione di alcuni passanti che hanno visto la donna fuggire. Non sarebbe il primo atto di violenza mostrato dal 38enne asiatico. Infatti, in passato, l’uomo avrebbe già alzato le mani contro la moglie. Questa volta, secondo le ricostruzioni dei carabinieri, il cinese avrebbe picchiato la donna – sempre con più violenza – davanti ai tre figli piccoli.

Secondo l’uomo, un imprenditore tessile di Concordia, il motivo per cui decise di picchiare la moglie – se di colpa si può parlare – è quella di aver lavorare “solo” 12 ore nella giornata di domenica. Infatti la donna aveva chiesto solo un po’ di riposo, cosa che non è piaciuta al marito. Il cinese è trattenuto nella camera di sicurezza della Compagnia di Carpi in attesa di essere portato in carcere.

Cinesi stacanovisti

Oramai in Italia molti esercizi commerciali – bar, sartoria – sono nelle mani di cinesi, i quali non badano a orari di lavoro accettabili, feste e vacanze. Ogni giorno e ogni momento è buono per dedicarsi al proprio mestiere. Stacanovisti? Forse sì. Non si può certo dire che i cinesi siano dei fannulloni, ma a tutto c’è un limite.

Se in Cina lavorare senza sosta è una normalità, tant’è che a molti è concesso di dormire in ufficio per non perdere neanche un minuto di tempo prezioso, in Italia la concezione del lavoro è ben diversa e nulla può giustificare il comportamento del 38enne nei confronti della moglie.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche