Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Scoppia ricarica della sigaretta elettronica: 25enne ferito
Cronaca

Scoppia ricarica della sigaretta elettronica: 25enne ferito

ambulanza

Un 25enne si trovava alla guida della sua auto quando la ricarica della sigaretta elettronica è scoppiata ferendolo alla gamba e alla mano.

Un ragazzo friulano è rimasto vittima di un incidente che gli ha provocato lesioni ad una gamba e ad una mano. Il giovane aveva in tasca la ricarica della sigaretta elettronica e si trovava alla guida della sua auto. Ad un certo punto, però, dalla tasca dei pantaloni hanno iniziato ad uscire delle fiamme. La ricarica è esplosa provocandogli diverse ustioni.

Ragazzo ustionato

Come raccontato dal ‘Messaggero Veneto‘, il giovane si trovava a Tarcento, in provincia di Udine. Accortosi di quanto stava accadendo, il 25enne ha fermato subito il veicolo e ha chiesto aiuto. Sul posto sono accorsi i sanitari del 118 e i Vigili del Fuoco. Trasportato all’ospedale di Udine è stato sottoposto alle prime cure, per poi essere trasferito al centro grandi ustionati di Padova. Il ragazzo ha riportato ferite alla parte della gamba a contatto con la ricarica, e alla mano con la quale ha provato a liberarsi della batteria.

L’episodio di Prato

A gennaio del 2017 un altro ragazzo era stato vittima di un’esplosione simile.

In quel caso, il ventunenne si trovava nel soggiorno di casa sua quando è esplosa la sigaretta elettronica che teneva in tasca. La madre ha raccontato di un “botto violentissimo, come una bomba“. La madre si è detta sconvolta
per l’accaduto: “Non ho dormito per due notti. Un angelo custode protegge mio figlio” aveva raccontato qualche giorno dopo l’esplosione.

Tommaso, studente in giurisprudenza, aveva riferito: “Il botto è stato violentissimo: come una bomba. Per alcuni secondi non ho visto più nulla, poi ho sentito un calore forte all’inguine. Mi sono subito levato i pantaloni. Non mi sono accorto che stavo prendendo fuoco, è stata mia mamma che mi ha buttato l’acqua addosso. Ero tutto nero in viso”. Il giovane ha rimediato ustioni di primo e secondo grado a diverse parti del corpo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Classe 1995, lodigiana di nascita, grande appassionata di danza, sport e viaggi. Laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano, coltiva da sempre l’interesse per il giornalismo. Dopo aver svolto uno stage nella redazione di un quotidiano locale, da ottobre 2018 collabora con Entire Digital Publishing in qualità di redattrice per Notizie.it.