> > Rimini: trasmette in diretta Facebook la morte di un ragazzo

Rimini: trasmette in diretta Facebook la morte di un ragazzo

diretta facebook incidente

Un giovane di Riccione imbattendosi in un incidente stradale decide di riprendere la scena, mandando in diretta le immagini di un ragazzo agonizzante

Imbattutosi in un tragico incidente stradale aveva preso dalla tasca il telefono e aveva iniziato a riprendere la scena in un macabro video, andato online sui social.

Immagini nelle quali non si vedeva solo il motorino del ragazzo rimasto coinvolto nello schianto, ma anche i soccorritori, che giunti immediatamente sul posto stavano cercando di prestare aiuto al giovane ventiquattrenne rimasto a terra.

Ragazzo che ferito in maniera gravissima sarebbe deceduto di li a poco. Riprese che non sono state interrotte nemmeno di fronte all’esplicito ordine degli agenti di Polizia arrivati sulla scena dell’incidente. Gli agenti, non appena si sono resi conto che il giovane stava filmando, gli hanno intimato di sospendere le riprese.

Ma il ragazzo decise di ignorare l’ordine degli agenti. Una decisione, quella del giovane residente di Riccione, che ha portato i tutori della legge a decidere di identificarlo e denunciarlo.

Trasmette in diretta Facebook

L‘incidente è avvenuto nel corso del mese di ottobre 2018, e la decisione di riprendere l’agonia del ragazzo, diffondendola oltretutto via web assieme ai tentativi di rianimazione dei sanitari, ha rischiato di costargli anche un’accusa per omissione di soccorso.

Un’accusa fortunatamente per lui schivata. Ma dovrà comunque rispondere di pubblicazione di immagini raccapriccianti.

E assieme alla condanna giungono anche le scuse del giovane abitante di Riccione. “Mi avevano detto che avevano già chiamato i soccorsi”, spiega, “Che stava arrivando l’ambulanza e i Carabinieri”. Insomma, secondo quanto afferma “Ero sotto shock, volevo fare qualcosa per lui e ho pensato di filmarlo. Non cercavo lo scoop, lo giuro”. Insomma, secondo quanto ha affermato in tribunale, “Ho capito di aver sbagliato e per questo chiedo scusa”.

Il Tribunale lo ha quindi condannato allo svolgimento di lavori socialmente utili.