> > Bergamo, furto di videogiochi dal reparto di pediatria

Bergamo, furto di videogiochi dal reparto di pediatria

furto videogiochi pediatria

Furto dal reparto di pediatria dell'ospedale Giovanni XXIII di Bergamo. Qualcuno ha forzato la teca e sottratto i videogiochi destinati ai bambini

Circa trenta videogiochi per Playstation destinati ai bambini del reparto di pediatria dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono stati rubati tra la giornata di martedì 27 ottobre 2018 e mercoledì 28 ottobre.

A denunciare l’accaduto l’associazione Amici della Pediatria, che ha pubblicato su Facebook la foto della teca in cui erano conservati i giochi, che appare semivuota.

Il ladro ha lasciato indietro solo alcuni vecchi giochi per la Playstation 2, portandosi via tutto il resto. Furto del quale si sarebbe accorto un bambino, che resosi conto dell’assenza dei giochi, sarebbe andato a chiedere ai volontari se stessero facendo pulizia.

“No, qualcuno li ha rubati”, si è sentito rispondere il piccolo.

La denuncia dell’associazione

Si fa sentire la denuncia di Milena Lazzaroni, presidente degli Amici della Pediatria: “Hanno rubato in una sala di aggregazione del reparto che viene usato dai bambini. Si tratta di una trentina di giochi che usano i piccoli degenti”. Secondo la Lazzaroni il furto sarebbe “Probabilmente avvenuto tra le 11 e le 12 della sera tra martedì e mercoledì.

E per sottrarre i giochi il ladro avrebbe scassinato la teca. Un caso che non è purtroppo il primo a riguardare il problema della sicurezza negli ospedali italiani

Una denuncia che però non è rimasta inascoltata. Nel giro di soli pochi minuti infatti, tra i commenti al post dell’associazione sono comparsi numerosi messaggi di solidarietà. E tra i tanti che esprimono vicinanza, c’è anche qualcuno che ha già pensato a come dare una mano.

Ad esempio la famiglia di un bambino che è stato ospitato presso il reparto ha già fatto sapere che provvederà a regalare alcuni videogiochi. Ma non solo, a Bergamo è infatti già iniziata una raccolta di altri giochi da destinare ai piccoli malati, in modo da potergli dare un po di svago durante le lunghissime giornate che alcuni di loro sono purtroppo costretti a dover passare in reparto.