Soncino, una 14enne spruzza spray al peperoncino a scuola
Soncino, una 14enne spruzza spray al peperoncino a scuola
Cronaca

Soncino, una 14enne spruzza spray al peperoncino a scuola

spray al peperoncino

A Soncino una studentessa di 14 anni porta a scuola lo spray al peperoncino e lo mostra all'amica. Preme per errore il bottone e si scatena il panico.

Dopo il fatto di Pavia, anche a Soncino (provincia di Cremona) qualcuno ha spruzzato dello spray al peperoncino a scuola. Sembra che si sia trattato di una 14enne, che ha premuto inavvertitamente il bottone della bomboletta mentre la mostrava ad un’amica. In totale sono sette le persone rimaste lievemente intossicate nell’istituto in via Galantino, tra cui anche la proprietaria dello spray.

Due casi in Lombardia

Nuovo episodio in poche ore di intossicati a scuola in Lombardia a causa di qualcuno che ha nebulizzato dello spray al peperoncino. Nella mattinata di lunedì 10 dicembre 2018 infatti una trentina di persone sono state soccorse a Pavia, dopo che la sostanza urticante era stata spruzzata all’interno degli spogliatoi dell’Istituto tecnico industriale Cardano di via Verdi. Un fatto analogo è accaduto anche in scuola superiore di Soncino, in provincia di Cremona.

Stando alle prime informazioni, a usare la bomboletta al peperoncino sarebbe stata una ragazzina di 14 anni della prima classe dell’istituto Cfp dove si tengono corsi di formazione per cuochi.

Quando i compagni di classe hanno cominciato ad accusare irritazione agli occhi e difficoltà respiratorie, si è creato quindi il panico. In breve tempo in via Galantino è arrivato il personale del 118, che ha soccorso sette persone, quasi tutte minorenni, di cui cinque sembra siano state portate in ospedale ma solo in via precauzionale.

La studentessa si sarebbe giustificata sostenendo che stava solo mostrando lo spray al peperoncino a un’amica, quando ha inavvertitamente premuto il bottone e ha fatto fuoriuscire la sostanza irritante. Non è chiaro però perché una 14enne debba portare a scuola questo tipo d’arma da difesa.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche