Investiti mentre salgono sullo scuolabus, morti tre fratelli
Investiti mentre salgono sullo scuolabus: morti tre fratelli
Cronaca

Investiti mentre salgono sullo scuolabus: morti tre fratelli

bambini

Una mamma ha visto morire sotto i propri occhi i suoi tre figli, travolti mentre stavano salendo sullo scuolabus.

Tre bambini, fratelli tra loro, sono stati investiti e uccisi mentre stavano per salire sullo scuolabus. Il dramma è avvenuto martedì 30 ottobre 2018. I bambini erano usciti come ogni mattina per andare a scuola e, sotto lo sguardo vigile dei genitori si apprestavano ad attraversare per salire sullo scuolabus.

Mamma perde tre figli

Improvvisamente però un’auto è giunta a tutta velocità, travolgendo in pieno i due gemelli di 6 anni, Xzavier e Mason Ingle e la sorella di 9 anni Alivia Stahl. Coinvolto nell’incidente stradale anche un quarto bambino di 11 anni. Quest’ultimo se l’è cavata con diverse fratture e politraumi, mentre per i tre fratelli non c’è stato scampo, morti sul colpo.

Chi ha assistito alla scena, compresa la madre dei tre piccoli, è rimasto completamente scioccato. “E’ sconvolta, ha perso tre figli tutti insieme. Che cosa dirà all’altro figlio, non può dire che piano piano il dolore passerà e andrà meglio” commenta sconvolto ai media locali lo zio delle tre vittime.

“Un genitore non si aspetta mai di dover seppellire il proprio bambino, figuriamoci tre” dichiara invece disperata la donna.

Sembra che su quella stessa strada ci siano stati già altri incidenti simili, anche se non mortali. “Tutti i genitori si sono lamentati per la fermata dello scuolabus in questo tratto, dove la gente sfreccia per andare a lavoro” sottolinea lo zio. Arrestata per omicidio colposo una ragazza di 24 anni, che era alla guida Toyota Tacoma che ha investito i quattro bambini. La vettura viaggiava in direzione opposta e sembra che corresse un po’ troppo nonostante a bordo trasportasse due figli piccoli ed il fratello minore, tutti rimasti illesi.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche