Omicidio Jessica Faoro: ergastolo per Alessandro Garlaschi
Omicidio Jessica Faoro: ergastolo per Alessandro Garlaschi
Cronaca

Omicidio Jessica Faoro: ergastolo per Alessandro Garlaschi

Jessica Faoro

Nonostante il rito abbreviato, il gup di Milano ha condannato all'ergastolo Alessandro Garlaschi, il tranviere che ha ucciso la 19enne Jessica Faoro.

Nonostante il rito abbreviato Alessandro Garlaschi è stato condannato all’ergastolo. Il 39enne tranviere dell’Atm il 7 febbraio 2018 aveva ha ucciso la 19enne Jessica Faoro con 85 coltellate, tentando poi di occultarne il cadavere. L’omicidio è avvenuto in un appartamento di via Brioschi a Milano, dove la giovane era stata assunta come ragazza delle pulizie, dopo aver risposto ad un annuncio di lavoro.

“E’ un omuncolo”

Alessandro Garlaschi è stato condannato anche per vilipendio di cadavere, perché dopo il delitto aveva provato a bruciare parti del corpo di Jessica Faoro, e per sostituzione di persona. L’uomo infatti aveva fatto credere alla moglie che la giovane fosse sua sorella. Per la gravità del reato, il gup di Milano ha inflitto al 39enne anche l’isolamento diurno in carcere.

Saranno invece risarciti con 25mila euro ciascuno il padre e la madre della vittima. Al fratello invece andranno 50mila euro e al Comune di Milano, che si è presentato come parte civile, 10mila euro.

“Sono felice, di più non si poteva dare, auguro a Garlaschi un felice soggiorno nella sua nuova residenza” commenta soddisfatto Stefano Faoro, il padre di Jessica, come riporta ilfattoquotidiano.it.

“Non lo odio – aggiunge – provo indifferenza per lui, è un uomo inutile, è un omuncolo“. “Questa sentenza comunque non mi ridarà mia figlia, non mi ridarà un futuro” chiosa. Della stessa opinione anche la madre della 19enne, Annamaria Natella: “Speravo in questo ergastolo, anche se non mi ridarà indietro mia figlia”. Le motivazioni della sentenza verranno depositate entro 90 giorni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche