Messina, cede la grata in Università: 23enne precipita per 6 metri
Messina, cede la grata: studentessa precipita per 6 metri
Cronaca

Messina, cede la grata: studentessa precipita per 6 metri

Una grata situata sui marciapiedi antistanti l'Università di Messina è ceduta al passaggio di una studentessa

Grave incidente presso la facoltà di Biologia dell’Università di Messina. Una giovane studentessa 23enne è infatti caduta in una botola di servizio mentre si recava in università per assistere ad una sessione di laurea. Secondo le prime ricostruzioni, la ragazza sarebbe caduta per oltre sei metri prima di raggiungere il fondo della botola, situata immediatamente all’esterno dell’edificio. Responsabile della caduta il cedimento di una grata a copertura del tunnel di areazione di uno scantinato sottostante, di proprietà dell’Università.

Sul posto sono immediatamente giunti i soccorritori del 118, che aiutati dai Vigili Del Fuoco nel recupero della ragazza, la hanno immediatamente trasportata d’urgenza presso l’Ospedale Papardo, dove è tutt’ora ricoverata in prognosi riservata.

L’intervento del rettore Cuzzocrea

Il rettore Salvatore Cuzzocrea, a nome di tutta la comunità accademica universitaria, esprime vicinanza alla studentessa ferita e ai suoi familiari. Rettore che non appena avuta notizia dell’accaduto, ha provveduto ad informarsi sulle condizioni di salute della giovane studentessa.

Ha inoltre messo a disposizione, nel caso si dovesse rendere necessario, le strutture del Policlinico.

Cuzzocrea che in serata si è recato presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Papardo per incontrare la 23enne ferita, ed accertarsi di persona delle sue condizioni di salute.

Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i responsabili dell’Unità speciale dei Servizi tecnici di Unime, impegnati nel cercare di capire la dinamica del cedimento strutturale. Mentre l’università ha annunciato l’apertura di una indagine interna tesa ad appurare eventuali responsabilità, e, nel caso, agire di conseguenza.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche