×

Open Arms, 300 migranti a bordo: “E’ emergenza di Natale”

Salvati 300 migranti, ma Malta e Italia tengono chiusi i loro porti. "E' emergenza di Natale", dice la Ong. L'UE però si comporta come Scrooge.

migranti

“Inizia così la notte sulla Open Arms. Più di 300 persone salvate da morte certa in mare. Se il freddo non può essere percepito nelle immagini, l’emergenza è sicuramente più facile da capire. Senza un porto per sbarcare e con il rifiuto di Malta di darci da mangiare.

Non è questa l’anima del Mediterraneo” scrive su Twitter l’Ong Proactiva. La nave spagnola ha recuperato infatti più di 300 migranti che erano a bordo di tre imbarcazioni “in pericolo di naufragio”.

Accolta solo mamma e neonato

A bordo c’era anche una mamma con un neonato con appena due giorni di vita. “E’ un’emergenza di Natale“, scrivono gli attivisti della Open Arms. Al momento però i Paesi europei sembrano ispirati più dall’atteggiamento di Ebenezer Scrooge, il cattivo del “Canto di Natale”.

L’unica speranza quindi è che, con il passare delle ore, anche i governi UE cambino atteggiamento come il protagonista del racconto di Charles Dickens.

Finora infatti Malta ha accolto solo mamma e figlio. La donna aveva partorito in una spiaggia della Libia poco prima di iniziare il suo viaggio. Con il piccolo ha trascorso quindi 24 ore in balia delle onde del mare. Attualmente si trovano presso l’ospedale Mater Dei dell’isola maltese.

Ancora sconosciuta la sorte che toccherà agli altri migranti, a bordo della Open Arms.

Sui social il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha fatto sapere: “La nave Open Arms, di Ong spagnola con bandiera spagnola, ha raccolto 200 immigrati e ha chiesto un porto italiano per farli sbarcare, dopo che Malta (dopo aver fatto giustamente sbarcare una donna e un bambino) ha detto di no. La mia risposta è chiara: – aggiunge – i porti italiani sono chiusi! Per i trafficanti di esseri umani e per chi li aiuta, la pacchia è finita”.

Sembra quindi che l’obiettivo sia costringere la nave ad intraprendere un lungo e rischioso viaggio per tornare in Spagna.

A stretto giro è però Oscar Camps, fondatore della Ong Proactiva, replica al ministro dell’Interno italiano: “Matteo Salvini, la tua retorica e il tuo messaggio, come tutto in questa vita finirà. Però sappi che tra qualche decennio i tuoi discendenti si vergogneranno di ciò che fai e che dici”.

Contents.media
Ultima ora