×

Incidente a Rieti, morto il giovane alla guida dell’auto

Condividi su Facebook

Andrea Tipà, il 18enne alla guida dell'auto che si è scontrata con un autobus a Rieti, è morto dopo la corsa in ospedale.

Rieti, il giovane morto con il fratello
Rieti, il giovane morto con il fratello

È morto il giovane alla guida dell’auto che si è scontrata con un autobus a Montopoli Val d’Arno, poco lontano da Rieti. La vittima è Andrea Tipà, un ragazzo di soli 18 anni residente a Montopoli. I vigili del fuoco hanno estratto il suo corpo dalle lamiere.

Inutile l’intervento dei soccorritori del 118 che lo hanno trasportato in eliambulanza in un ospedale di Roma. Le lesioni riportate nel sinistro erano troppo gravi e hanno provocato il decesso. L’incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di venerdì 21 dicembre, sulla strada provinciale 42 tra Colonnetta e Granari di Montopoli.

L’auto del 18enne si è scontrata con un bus Cotral. Sul luogo del sinistro sono intervenuti gli agenti dei Carabinieri.

La strada è stata chiusa al traffico, poi riaperta, in un primo momento solo a senso unico alternato. Una volta terminate le operazioni di rimozione dei mezzi coinvolti, le forze dell’ordine hanno riaperto la provinciale in entrambi i sensi di marcia.

Rieti, esplosione sulla Salaria

Il 5 dicembre un’autocisterna ha preso fuoco a Borgo Quinzio, nei pressi di Rieti, sulla via Salaria. Intorno alle ore 14.30 l’autocisterna, contenente Gpl, ha preso fuoco, provocando un’esplosione che ha devastato il distributore di carburante.

Il mezzo pesante che si stava rifornendo è stato scaraventato a 200 metri di distanza, raggiungendo la parte opposta della carreggiata. L’esplosione ha provocato due morti e diciotto feriti, di cui sette in gravi condizioni. Le vittime sono Stefano Colasanti, un vigile del fuoco, e un uomo che, incuriosito dal fumo e dalle fiamme, si era fermato al bordo della strada quando l’autocisterna è esplosa. Il suo corpo è stato ritrovato, semi carbonizzato, a decine di metri dal distributore.

I residenti della zona hanno descritto così il boato: “Mai sentita una cosa del genere, sembrava un terremoto“.

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche

Contents.media