Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Roma, doppio incidente nell’arco di pochi minuti: due morti
Cronaca

Roma, doppio incidente nell’arco di pochi minuti: due morti

incidenti roma

Le strade di Roma sono state teatro di due gravi incidenti. Un automobilista e un motociclista hanno perso la vita.

Pomeriggio di sangue a Roma. Due incidenti gravi sono avvenuti a poca distanza l’uno dall’altro, provocando due vittime. Un uomo di 51 anni e uno di 57 sono deceduti venerdì 4 gennaio, per cause differenti, sulle strade della Capitale. I due sinistri sono avvenuti poco dopo le 15, il primo sulla Cristoforo Colombo, il secondo a Trigoria, all’altezza del cimitero Laurentino.

Il primo incidente

La Cristoforo Colombo è un’arteria che collega Roma ad Ostia. Lo schianto è avvenuto all’altezza dell’incrocio tra viale Cavaceppi e via di Malafede. Sul posto sono intervenuti la Polizia Locale, il gruppo Gpit, i vigili del fuoco e il personale medico. Tuttavia, i sanitari non hanno potuto fare nulla per salvare la vita al 51enne. Quest’ultimo, stando alle prime ricostruzioni, potrebbe aver avuto un malore mentre era alla guida della sua Ford Fiesta, che è poi andata a sbattere contro una Bmw X3 ferma al semaforo.

Sul corpo della vittima è stata disposta l’autopsia per capire l’esatta causa del decesso. La Polizia Locale è al lavoro per chiarire la dinamica dell’incidente.

Schianto tra auto e moto

Un secondo incedente è invece avvenuto in via Laurentina. In questo caso a rimanere coinvolte sono state un’auto e una moto. Alla guida della due ruote c’era un 57enne, morto sul colpo. Sul posto la Polizia Locale di Roma Capitale, che si è occupata dei rilievi. Chiesto anche l’intervento dell’eliambulanza e del 118 che altro non hanno potuto che constatare il decesso dell’uomo. Dalle prime ricostruzioni, è emerso che l’uomo sarebbe stato investito dall’auto. La Polizia ha effettuato i rilievi e ha posto sotto sequestro i mezzi coinvolti. Ancora da chiarire l’esatta causa dello schianto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche