×

Marcheno, incendio in palazzina: un tablet in carica il responsabile

Un incendio ha colpito una palazzina di Marcheno, in provincia di Brescia. Probabilmente provocato dal sovraccarico di un tablet lasciato in carica.

marcheno incendio tablet 768x625

Notte di fuoco per i residenti di una palazzina situata lungo Via Indipendenza a Marcheno, comune della provincia di Brescia. Palazzina che nella notte tra sabato 5 e domenica 6 gennaio 2018 è stata colpita da un incendio, probabilmente causato da un cortocircuito.

Le fiamme sono divampate intorno alle 4 del mattino, ed è proprio il padrone di casa ad essersi per primo accorto del pericolo. Le fiamme, secondo i rilievi effettuati dalle forze dell’ordine, sarebbero state causate dal sovraccaricarsi di un tablet lasciato sotto carica. Immediatamente svegliata la moglie, l’uomo è poi corso ad allertare gli altri residenti dello stabile. Che sono tutti riusciti a trarsi immediatamente in salvo. Unico a rimanere bloccato un giovane senegalese, intrappolato dalle fiamme nel suo appartamento.

Marcheno, incendio in palazzina

Immediato l’intervento dei pompieri: nel giro di pochi minuti dalla chiamata sono giunte due squadre, provenienti da Gardone da Lumezzane. I soccorritori, dopo aver fatto uscire il giovane dalla finestra, hanno quindi provveduto alla sua discesa utilizzando una scala estendibile.

I pompieri hanno poi impiegato delle ore per spegnere l’incendio, che solo per pura fortuna non ha causato nessun ferito grave. Solo lievemente intossicato infatti il ragazzo senegalese cui hanno prestato soccorso.

Giovane ricoverato in ospedale, ma solo per accertamenti.

Salva la struttura dell’edificio, e quindi immediatamente rientrate le famiglie residenti al primo piano. Inagibile invece il secondo, dove l’incendio si è sviluppato. Cinque nuclei familiari hanno quindi dovuto trovare riparo presso parenti o amici, in attesa che le proprie abitazioni vengano nuovamente dichiarate agibili.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora