Macerata, si sposa in ospedale: morto subito dopo il matrimonio
Macerata, si sposa in ospedale: morto subito dopo il matrimonio
Cronaca

Macerata, si sposa in ospedale: morto subito dopo il matrimonio

matrimonio

Capisce che non gli resta più molto da vivere. Il matrimonio viene organizzato all'hospice di San Severino, e poche ore dopo lo sposo muore.

Una storia d’amore breve ma intensa vissuta, è proprio il caso di dirlo, fino all’ultimo respiro nonostante le tante sofferenze. Annalisa Talpacci, 40enne di Pioraco, e Diego Turi, 43enne di Tricase, sono infatti riusciti a scambiarsi le promesse nuziali poche ore prima di dividersi per sempre. L’uomo infatti è morto nel pomeriggio del 15 gennaio 2019 all’hospice di San Severino dove era ricoverato da diversi giorni. Nella mattinata, nella stessa stanza d’ospedale, la coppia era riuscita a unirsi in matrimonio.

Il colpo di fulmine

L’incontro che ha cambiato la vita ad entrambi è avvenuto nel 2014 nel Salento. Per Annalisa e Diego è stato un vero e proprio colpo di fulmine e i due ben presto vanno a vivere assieme nella frazione di Seppio a Pioraco, come ricorda cronachemaceratesi.it raccontando la loro storia e il terribile lutto.

Nel 2017 Diego scopre però di essere malato, e la diagnosi data dai medici è fin da subito impietosa.

La coppia però è più solida che mai e lotta disperatamente per continuare a trascorrere una vita quanto più possibile normale, assieme anche a Ursula, una Border collie.

L’ultimo “sì”

La salute del 43enne ha un peggioramento la vigilia di Natale. Il 24 dicembre 2018 viene quindi ricoverato hospice di San Severino. Diego capisce che non gli resta più molto da vivere e così, dopo aver passato un Capodanno in ospedale, decide che sarà lì che dovrà organizzare anche il matrimonio. Una cerimonia semplice davanti ad un funzionario del comune di San Severino. Diego sembra resistere proprio per pronunciare quel fatidico “sì”. Un sogno purtroppo durato solo poche ore.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche