Napoli, bomba esplosa davanti alla storica pizzeria Sorbillo
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Napoli, bomba esplosa davanti alla storica pizzeria Sorbillo
Cronaca

Napoli, bomba esplosa davanti alla storica pizzeria Sorbillo

Napoli, bomba davanti alla pizzeria Sorbillo
Napoli, bomba davanti alla pizzeria Sorbillo

Una bomba è esplosa nel centro storico di Napoli, davanti alla pizzeria di Gino Sorbillo, già precedentemente incendiata. Nessun ferito.

Un ordigno è esploso nel cuore di Napoli, davanti alla storica pizzeria Gino Sorbillo, intorno alle 2 di notte. Tanta la paura tra i residenti del centro storico che hanno avvertito il boato, ma al momento non è stato segnalato alcun ferito. Il proprietario del ristorante ha comunicato attraverso il proprio profilo Facebook che la pizzeria è “chiusa per bomba. Dopo l’incendio di cinque anni fa adesso arrivano anche le bombe in via dei Tribunali 32, dove c’è la sede storica”.

Sorbillo “Siamo uniti, andiamo avanti”

Mi scuso con tutta la Napoli ‘buona’, con l’Italia ‘buona’ e con tutte le persone che vivono onestamente”, ha continuato Gino Sorbillo. “Certi avvenimenti così forti ed eclatanti fanno cadere le braccia e demoralizzano la società. Sono stato nell’Arma dei Carabinieri e ho scelto di fare il pizzaiolo perché amo troppo la mia città e la amerò per sempre. La Napoli ‘sana’ è sempre nel mio cuore”. Sorbillo ha poi invitato i suoi concittadini a essere uniti davanti a simili eventi.

“Il 17 gennaio in tutte le pizzerie della città ci saranno i festeggiamenti per la giornata del pizzaiolo in onore del santo protettore del pizzaiolo, sant’Antuono”, ha ricordato. “Centinaia di pizzerie serviranno una pizza speciale ai propri clienti e sarà questa per me l’occasione per ricordare a tutti i pizzaioli della città che dobbiamo essere sempre uniti. Andiamo avanti”.

Flavia Sorrentino, la Delegata all’Autonomia della città partenopea, ha definito quella dell’ordigno davanti a Sorbillo “una notizia che fa male, che descrive Napoli nel suo aspetto più truce, più insopportabile, più odioso. Tra poche ore la città si sveglierà con una notizia che rimbalzerà su tutti i giornali. E noi ancora una volta dovremo interrogarci sulla presenza vera dello Stato nei nostri territori. Serve ogni misura di contrasto possibile. Bisogna mobilitarsi”.

Afragola, 20 bombe contro attività commerciali

È ancora tanta la paura ad Afragola, nel napoletano, dove in poco più di una settimana sono esplose 20 bombe contro attività commerciali.

L’ipotesi più accreditata è che si tratti di azioni di stampo camorristico, attacchi a scopo estensivo contro i negozi della zona. Il deputato del M5S, Andrea Caso, ha parlato di “livelli di allarme preoccupanti. Non tarderà ad arrivare una risposta dello Stato, che c’è e non resta in silenzio. Presto un vertice per fare il punto della situazione, intanto la Commissione Antimafia è informata e vigila sugli ultimi accadimenti”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2305 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.