Senago, scoperto un cadavere murato nella parete di una casa | Notizie.it
Senago, scoperto un cadavere murato nella parete di una casa
Cronaca

Senago, scoperto un cadavere murato nella parete di una casa

Reggio Emilia, nasconde la madre morta per percepire la pensione e in seguito si uccide
Nasconde la madre morta per prendere la pensione e poi si uccide

I resti apparterrebbero a un uomo tra i 45 e i 55 anni. A scoprire le ossa il proprietario di casa e gli operai durante una ristrutturazione.

E’ giallo a Senago, in provincia di Milano. Secondo quanto riporta la Repubblica martedì 15 gennaio nella parete interna di una casa è stato trovato murato un cadavere. La scoperta è avvenuta nel corso di alcuni lavori di ristrutturazione. Stando alle prime ricostruzioni i resti dovrebbero appartenere a un uomo di età compresa tra i 35 e i 45 anni. Il proprietario della villetta, insieme agli operai che stavano lavorando, ha individuato le ossa in una cavità del muro della dependance dell’abitazione.

Le indagini

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Monza e della compagnia di Desio sono al lavoro per fare piena luce sulla vicenda. Nello specifico gli agenti stanno interrogando gli operai e il proprietario della casa. Le indagini sono coordinate dalla Procura di Monza. L’esame dei resti umani è affidato al medico legale e agli esperti del Labanof, il laboratorio di antropologia forense dell’università di Milano.

L’altro ritrovamento

Come ricorda Lettera 43 nella provincia di Milano (a Rescaldina) un altro cadavere era stato ritrovato il 15 gennaio in un campo da alcuni operai in pausa pranzo.

La vittima era un 54enne senegalese che risiedeva a Borgo Manero (Novara). L’uomo, pregiudicato per droga, sarebbe morto a causa di un colpo di pistola all’addome e un colpo in testa (l’assassino avrebbe usato una mazza o un bastone). Sul luogo sono giunti i carabinieri di Legnano con il magistrato della Procura di Busto Arsizio e il medico legale. Le indagini sono in corso ma sembra probabile che il delitto sia da collegare al traffico di sostanze stupefacenti. Sarebbe questa la pista maggiormente battuta dagli inquirenti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche