Milano, si dà fuoco davanti alla stazione: muore catanese
Milano, si dà fuoco davanti alla stazione: muore catanese
Cronaca

Milano, si dà fuoco davanti alla stazione: muore catanese

milano si da fuoco stazione morto

Si è dato fuoco ad un distributore di benzina nei pressi della Stazione Centrale di Milano. Ancora da chiarire il movente dell'estremo gesto.

Si è dato fuoco nei pressi di un distributore di carburante a qualche metro dalla Stazione Centrale di Milano. Un uomo – che, a quanto si apprende dalle prime ricostruzione, sarebbe un 42enne catanese – è c0sì morto carbonizzato. È avvenuto nella serata di martedì 22 gennaio, intorno alle 22. A riferirlo sarebbe l’AREU, l’azienda regionale emergenza urgenza. Sono ancora in corso le indagini chiarire le ragioni dell’estremo gesto.

Muore carbonizzato al distributore di benzina

In base alle prime ricostruzioni, come riporta il giornale online Today, l’uomo si sarebbe avvicinato al distributore di benzina Tamoil, accanto alla Stazione Centrale di Milano e, dopo essersi cosparso di carburante, avrebbe appiccato il fuoco. Le fiamme non gli hanno lasciato scampo. Sul posto sono intervenuti immediatamente i soccorsi: il personale di ambulanza, automedica, Vigili del Fuoco e le forze di polizia non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo.

Gli ultimi istanti di vita

Alcuni passanti avrebbero visto la vittima trasformarsi in una torcia umana e avrebbero così allertato i soccorsi ma, malgrado il tempestivo intervento di ambulanza e automedica, in azione congiunta ai vigili del fuoco, nulla si è potuto per salvare l’uomo dalla morte.

Al vaglio dei carabinieri ci sarebbero le immagini delle telecamere della zona per cercare di ricostruire la dinamica degli ultimi istanti della vita dell’uomo. Resterebbe da confermare anche l’identità della vittima: all’intervento dei soccorso il suo volto era già inevitabilmente danneggiato dalle ustioni, rendendone difficile l’identificazione.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche