Torino, arrestate due maestre d’asilo: maltrattavano i bambini
Cronaca

Torino, arrestate due maestre d’asilo: maltrattavano i bambini

maltrattamenti all'asilo
maltrattamenti all'asilo

Li tenevano in una stanza non riscaldata, non seguivano norme igienico-sanitarie, ma una delle maestre si difende: "Li ho trattati come figli miei".

A Torino, l’ennesimo caso di maltrattamenti su minori all’asilo si è concluso con il carcere per le due maestre accusate. Da quanto scoperto nell’indagine, i piccoli venivano tenuti al freddo, sporchi, non venivano seguite le norme igienico-sanitarie e non era permesso ai piccoli di dormire. Ma una delle maestre si difende: “Ho trattato quei bambini come se fossero figli miei”.

Arrestate due maestre d’asilo

Le indagini della Squadra Mobile di Torino sul comportamento di due maestre in un asilo privato in centro città, hanno portato all’arresto di T.S. e M.F., entrambe italiane e – come riporta il Corriere della Sera – mamma e figlia. L’indagine è scattata a novembre a seguito della denuncia di alcune dipendenti e ora le due donne si trovano in carcere con l’accusa di maltrattamenti continuati, con l’aggravante della giovane età delle vittime. Secondo quanto scoperto dagli inquirenti, all’asilo i bambini venivano accettati in un numero superiore a quello consentito e lasciati in una mansarda non riscaldata.

I piccoli venivano nutriti in maniera non adeguata e contraria alle norme igienico-sanitarie, inoltre non li lavavano o cambiavano, non li facevano dormire e, a volte, li rinchiudevano in una stanza come punizione.

La difesa

Le due maestre si sono difese, autoaccusandosi solo di aver trattato quei bambini come se fossero figli loro. “La mia assistita ha ammesso alcune situazioni che non erano perfettamente compatibili con un nido, ma ben lontani dall’essere qualificabili con maltrattamenti”, ha spiegato l’avvocato Andrea Serlenga. Per esempio, ai bambini non era permesso dormire alle 10 di mattina, ma “semplicemente per abituarli a un corretto alternarsi di sonno e veglia“. A volte è capitato che scambiassero ciucci e cucchiaini non rispettando le norme igienico-sanitarie, ma per l’accusata è stata solo una svista. Purtroppo, sono sempre di più i casi di maltrattamenti negli asili. Forse esasperate dal difficile compito, forse non adatte, le maestre perdono la testa troppo in fretta lasciandosi andare sui piccoli indifesi con schiaffi, percosse o insulti a parole.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche