Ancona, 35enne morto dopo una visita per il mal di schiena
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Ancona, 35enne morto dopo una visita per il mal di schiena
Cronaca

Ancona, 35enne morto dopo una visita per il mal di schiena

Ancona, morto dopo visita per il mal di schiena
Ancona, morto dopo visita per il mal di schiena

Michelangelo Mariani, 35enne di Ostra Vetere, è morto probabilmente per un arresto cardiaco: lamentava mal di schiena da giorni.

Tragedia ad Ancona, dove un 35enne è morto dopo una visita d’urgenza alla guardia medica per un forte mal di schiena. La vittima è Michelangelo Mariani, residente a Ostra Vetere, in provincia del capoluogo marchigiano. Secondo quanto riferito dal Resto del Carlino, l’uomo ha iniziato a sentire un forte dolore qualche giorno prima del decesso. La sera di venerdì 8 febbraio, dopo aver avvertito i familiari, è uscito di casa per recarsi dal medico per una visita. Nonostante la breve distanza che separa la sua abitazione dall’ambulatorio, a causa del dolore ha deciso di spostarsi in auto. Dopo pochi minuti ha lasciato lo studio del medico per tornare a casa, ma è deceduto a pochi metri dalla porta. Alcuni passanti hanno notato il corpo a terra e hanno lanciato l’allarme.

Mal di schiena, morto 35enne

L’ipotesi più accreditata è che il decesso sia stato provocato da un arresto cardiaco. I soccorritori sono intervenuti tempestivamente e lo hanno trasferito all’ospedale di Senigallia a bordo di un’ambulanza, ma per Michelangelo non c’è stato niente da fare.

Il magistrato ha disposto l’esecuzione dell’autopsia per ricostruire l’esatta dinamica della morte.

Il 35enne era piuttosto noto nella comunità di Ostra Vetere. Il padre è un piccolo imprenditore locale e la madre, in passato, ha svolto un ruolo attivo nella vita politica della città. Michelangelo lavorava presso l’azienda Subissati s.r.l., a Pongelli di Ostra Vetere. Nel tempo libero, amava restaurare vecchi mobili. Il suo sogno nel cassetto era trasformare questa passione in un impiego a tempo pieno. Nel 2008 aveva esposto i suoi manufatti in una mostra, allestita insieme a Mario Zanchini. La compagna Giuseppina Codias, consigliere comunale, lo ha ricordato così su Facebook: “Vorrei soffrire tanto, vorrei stare male perché sono sicura che ogni mia lacrima Dio la trasformerà in un granello di pace e serenità per te”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2361 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.