Batterio pericoloso nelle salviettine Carrefour: ritirate dal mercato
Batterio pericoloso nelle salviettine Carrefour: ritirate dal mercato
Cronaca

Batterio pericoloso nelle salviettine Carrefour: ritirate dal mercato

La Catena di supermercati Carrefour ha annunciato il ritrovamento di un batterio pericoloso in alcune salviettine: annunciato richiamo prodotti

La catena di supermercati Carrefour ha avviato le procedure di ritiro dal mercato di un lotto di salviette umidificate per bambini, nelle quali – secondo le analisi effettuate – potrebbero annidarsi batteri potenzialmente pericolosi.

Il batterio potenzialmente pericoloso per la salute

Alcune confezioni di salviettine, precisamente quelle per pelli sensibili, sono infatti risultate positive alla presenza di un batterio patogeno appartenente alla specie Burkholderia cepacia, in grado di provocare infezioni polmonari in soggetti immunodepressi o malati di fibrosi cistica.

La comunicazione di Carrefour alla clientela

Il prodotto riporta il lotto 0765181022, è a marchio Carrefour Baby e viene venduto in confezioni da 72 pezzi. Nel caso vi siate quindi imbattuti in queste salviette, basterà controllare il numero di lotto. Se dovesse coincidere con quello ad essere richiamato dalla catena francese, basterà riportare la confezione di salviettine presso il punto vendita nel quale si è effettuato l’acquisto per effettuare uno scambio o ottenere un rimborso.

L’azienda si scusa con i propri clienti per il disagio arrecato, ed offre la possibilità di ottenere maggiori informazioni ai numeri 800 650 650 per le chiamate da rete da fissa, mentre 011 0706181 per le chiamate da telefono cellulare.

Il batterio burkholderia

Il burkholderia è un genere di protobatteri tra i quali figura il Burkholderia cepacia, una specie in grado di attaccare gli umani, e il burkholderia mallei, causa di una malattia infettiva dei cavalli, la Morva.

Una malattia che risulta molto spesso fatale, ma che è comunque a decorso cronico, e trasmissibile agli umani. L’habitat nel quale il batterio prolifera può essere molto vario: si può infatti ritrovare nel suolo e sia in acque dolci sia salmastre.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche